Sei qui: Home » Società » L’appello di Malala per le donne afghane, “Aprite i confini ai rifugiati”
l'appello

L’appello di Malala per le donne afghane, “Aprite i confini ai rifugiati”

Ecco l'appello del Premio Nobel per la pace Malala, vinto proprio per il suo impegno civile contro i talebani in Pakistan, a favore dei civili in fuga

“Ora ogni Paese ha un ruolo e una responsabilità: bisogna aprire i propri confini ai rifugiati afghani.” Il premio Nobel per la pace Malala Yousafzai ha esortato i poteri globali, regionali e locali a chiedere un cessate il fuoco immediato e fornire urgenti aiuti umanitari mentre i talebani hanno ottenuto il controllo della maggior parte dell’Afghanistan devastato dalla guerra.

L’appello di Malala

Esprimendo la sua preoccupazione per le donne, le minoranze e gli attivisti per i diritti umani, Malala Yousafzai ha scritto su Twitter: “Guardiamo completamente scioccati mentre i talebani prendono il controllo dell’Afghanistan. Sono profondamente preoccupata per le donne, le minoranze e i difensori dei diritti umani. Poteri globali, regionali e locali deve chiedere un cessate il fuoco immediato, fornire aiuti umanitari urgenti e proteggere i rifugiati e i civili”.

 

Malala Yousafzai e il diritto all’istruzione delle donne

La 24enne Malala è stata co-vincitrice del Premio Nobel per la pace 2014 per la sua battaglia contro la repressione dei bambini e dei giovani e per il diritto all’istruzione. A soli 17 anni all’epoca, Malala è la più giovane vincitrice del Nobel. Ha condiviso il premio con Kailash Satyarthi, un’attivista per i diritti dei bambini dall’India.

Nel 2012, all’età di 14 anni, Malala Yousafzai è stata colpita alla testa da Ehsanullah Ehsan, l’ex portavoce dei talebani pakistani. La motivazione? Il suo impegno a favore dell’istruzione e dell’educazione delle giovani donne in Pakistan.

La situazione in Afghanistan

I talebani e il governo afghano sono in trattative per una “transizione pacifica del potere” affinché le milizie islamiche non attacchino la capitale Kabul. Questo avviene dopo che una guerra lampo talebana ha visto gran parte del paese cadere nelle sue mani in poche settimane.

© Riproduzione Riservata