Il tema contro la mafia

Il tema di maturità di Arturo contro l’omertà e contro la mafia

Arturo Puoti è il ragazzo che due anni fa è stato accoltellato da una baby gang in una via del centro di Napoli. Ecco il suo tema di maturità
Il tema di maturità di Arturo contro l'omertà e contro la mafia

MILANO – Arturo Puoti è l’alunno del Liceo scientifico di Napoli di Via Foria che due anni fa è stato accoltellato da un gruppo di adolescenti in una via trafficata e centrale della città. Quest’anno ha sostenuto l’esame di maturità e ha scelto per il tema d’italiano la traccia a proposito della criminalità. Le sue parole sono una denuncia contro l’omertà dilagante. “Nessuno ha mai parlato” e “Nessuno ha mai denunciato”.

LEGGI ANCHE: Maturità 2019, Carlo Alberto dalla Chiesa è tra le tracce della prima prova

“Nessuno ha mai denunciato”

All’età di sedici anni, il 18 dicembre 2017, Arturo ha ricevuto delle coltellate da una baby gang di adolescenti nella centralissima e affollata via Foria, apparentemente senza alcun motivo. Le ferite fisiche e psicologiche permangono nella vita di Arturo, che quest’anno, all’età di diciotto anni, ha sostenuto insieme ai suoi compagni l’esame di maturità. Tra le tracce del tema quest’anno compariva quella a proposito della criminalità e del martire dello Stato Carlo Alberto Dalla Chiesa. Arturo non poteva non scegliere un’altra tematica.
Le pagine del tema riportano una denuncia verso l’omertà e verso la mafia in generale: “Nessuno ha mai parlato”. Nello stesso processo non figura alcun testimone. Il processo si è basato su prove e indizi mai supportati da testimonianze dirette. Scrive Arturo: “Nessuno ha mai riflettuto su ciò che stavamo commettendo, ovvero negare il diritto alla verità a un loro concittadino.

La testimonianza di Arturo

Nel tema Arturo fa riferimento alla sua esperienza personale, sintetizzandola in poche righe:

Sono stato vittima, circa due anni fa, di un accoltellamento. Esso mi ha lasciato cicatrici indelebili, sia nella psiche che nella carne, e una di queste è stata l’omertà del quartiere al mio ritorno

Le parole del ragazzo sono scandite da punti e da a capo, per accentuare la sua indignazione.
A fine tema Arturo chiude con l’affermazione che la mafia esiste non solo come associazione a delinquere, ma è il comportarsi indegno dello Stato di diritto.

Via: La Repubblica 

© Riproduzione Riservata