Plastic free

Bologna dice no alla plastica nelle scuole

La città di Bologna ha deciso di impegnarsi sul fronte ambientale. I suoi obiettivi: eliminare la plastica dalle scuole e piantare più alberi
Bologna dice no alla plastica nelle scuole

MILANO – La città di Bologna vuole impegnarsi ulteriormente sul versante ambientale, eliminando la plastica monouso e piantando più alberi. Il sindaco Virgilio Merola afferma in modo risoluto che non vuole più la plastica nelle scuole, ma che prima bisogna dare l’esempio dal Comune.

LEGGI ANCHE: Incendi in Amazzonia, Siberia, Canarie e Indonesia. Perché è importante difendere le foreste

No plastica nelle scuole

Il sindaco in modo saggio e consapevole riflette sulla strategia effettiva per eliminare la plastica dalle aule. Non basta sostituire un bicchiere di plastica con uno compostabile, perché va bene non si utilizza più la plastica, ma si crea sempre un rifiuto. L’idea migliore sarebbe che ognuno, dagli insegnanti agli alunni, avessero delle borracce per bere. Ma servono anche punti in cui poter bere liberamente. Perciò l’ideale sarebbe di predisporre acqua microfiltrata. Il comune di Bologna si impegna dunque a partire dal contesto.

Piantare alberi

Ma la battaglia ambientale in cui Bologna si impegna non comprende solo il plastic free. Infatti dal 2016, dal secondo mandato di Merola, sono stati piantati 4 mila alberi di tre, quattro metri che hanno contribuito ad aumentare di 8 ettari la superficie verde della città. Ovviamente in programma c’è di piantare nuovi alberi anche nel centro città.
Nell’agenda del comune c’è anche il progetto di sistemare e aprire al pubblico il vecchio vivaio comunale, quello che si trova nel quartiere di San Donato- San Vitale.

LEGGI ANCHE: La guida pratica per eliminare la plastica dalla propria vita

© Riproduzione Riservata