Una nuova estate – Racconto di Anna Bosco

Una nuova estate - Racconto di Anna Bosco

“Chissà cosa potrebbe riservarmi l’estate che sta per arrivare…” mi ripetevo continuamente. Ma d’altronde cosa poteva accadermi di così entusiasmante, di così diverso? Dopo aver affrontato i tanto temuti e attesi esami sarei tornata alla mia solita, monotona, solitaria vita, al solito sottovalutato e sottopagato lavoro, l’unica “novità” sarebbe stata dover affrontare il tutto senza la persona che da qualche anno allietava le mie giornate. “Cosa vuoi che sia?” pensavo continuamente… “Sei abituata ad essere sola, ne uscirai anche stavolta”, mi incoraggiavo ogni giorno, ogni sera prima di addormentarmi in preda all’ansia nel silenzio della notte avvolgendomi in un abbraccio solitario e rigando il mio volto di lacrime.

Così i giorni trascorrevano veloci, monotoni, uguali aprendo le porte all’estate e agli esami… il caldo afoso e l’ansia mi toglievano l’aria, non mi permettevano di essere del tutto lucida ma non mi hanno tolto la forza di combattere e di affrontare quei giorni così intensi ed emozionanti che per sempre conserverò nella mia mente e nel mio cuore.

“Qualcosa di diverso però me l’ha portata quest’estate…” mi sono ritrovata poi a pensare ad esami ultimati durante le giornate lavorative della bella stagione.

Ed effettivamente è così…. Certo, sono tornata al solito sottovalutato e sottopagato lavoro, continuo a vivere nella beatitudine della mia solitudine ma l’estate mi ha soprattutto portato tante nuove sensazioni indescrivibili, emozioni indelebili, soddisfazioni uniche, una inaspettata, sincera e bellissima amicizia e l’abilità di sperare che qualcosa di bello e positivo possa sempre accadere.

 

Anna Bosco

 

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti