Storie di Sicilia – racconto di Federica Leonardi

Storie di Sicilia - racconto di Federica Leonardi

“Intorno al fuoco ci piace narrare, storie di principi, Re e dame. Storie d’amore di morte e terre lontane”.

Venite venite bambini e bambine, venite venite fanciulli e fanciulle, venite venite uomini e donne di tutte le età, sedete qui con me e rimanete ad ascoltare quel che vi voglio raccontare.

Io sono un cantastorie, girovago, poeta e sognatore ed ora vi voglio narrare delle storie di una bellezza tale che anche volendo non potrete più scordare.

Forse avrete già sentito parlare di una baronessa di una bellezza senza eguali, andata in sposa senza amore e che per amore dovette morire.

Quando la mano del suo infame padre pose fine alla sua vita breve e a quella del suo amato cavaliere, la mano insanguinata ella poggiò in quel muro che ancor oggi macchiato restò come un’ emblema che vuole avvisare che l’amore vero alla morte può portare.

Ma non solo storie di morte e dolore avvengono qui in Sicilia, terra baciata dal sole. In questi boschi pieni di fiori e foreste dai mille colori, dimora di briganti crudeli e spietati che per la libertà della loro gente si sono battuti, ci son alberi che se potessero parlare con mille e più storie ci potrebbero allietare. Uno di questi è quello dei cento cavalli, dalle fronde così imponenti da essere riparo di tanti e tanti uccelli e di una bella regina, che sotto esso si rifugiò quando un temporale sorprendendola la spaventò. Ma la leggenda più bella di tutte, che ci piace narrare tutte le volte, è quella di Artù, il re spodestato che in cima al monte Etna si è rifugiato e che rimase qui a vegliare che il vulcano che con la sua lava fatale non distruggesse la bella Sicilia, terra di sole, di mare e poesia. Ed ora che la mia storia avete udito e sperando che vi abbia divertito, mi raccomando continuate a raccontare, cosi che nessuno, questa terra di Sicilia, possa mai dimenticare.

Federica Leonardi

© Riproduzione Riservata
Commenti