Sei qui: Home » Poesie » San Giovanni, la notte più magica dell’anno nella poesia di Vincenzo Guerrisi Parlà
La Poesia

San Giovanni, la notte più magica dell’anno nella poesia di Vincenzo Guerrisi Parlà

La notte di San Giovanni esercita un fascino antico e misterioso in molte culture. “San Gianni”, scritta dal poeta calabrese Vincenzo Guerrisi Parlà, è una bellissima poesia che ci fa immergere nell’atmosfera magica di questa festa speciale.

La festa di San Giovanni, che celebra nella religione cristiana la figura di San Giovanni Battista e coincide con l’equinozio d’estate, è una ricorrenza magica, in cui le congiunzioni astrali, i miti e i riti della tradizione riaffiorano e si mescolano, producendo un’atmosfera carica di fascino e mistero. Da tempi immemori, infatti, i giorni che intercorrono fra il 20 e il 24 giugno sono momenti speciali dell’anno, in cui il sole vince l’oscurità e si rende visibile al massimo delle sue possibilità.

Nelle culture antiche di tutto il mondo, durante questo particolare arco di tempo, gli elementi naturali e gli oggetti prendono vita, assumendo qualità magiche. Si celebrano riti con il fuoco e con l’acqua – rispettivamente simboli del sole e della luna –, si preparano mazzi di fiori e oggetti propiziatori.

In occasione di questa festa pregna di significati, tradizioni e superstizioni, condividiamo con voi “San Gianni”, una poesia popolare scritta dall’autore calabrese Vincenzo Guerrisi Parlà per raccontare nol’eterno fascino che la notte di San Giovanni esercita sulla nostra cultura.

San Gianni di Vincenzo Guerrisi Parlà, la poesia sulla notte di San Giovanni

Veni San Gianni, tempu di calura,
i gotti si parinchj ogni ficara,
u tempu non si faci ‘cchjù mugliura,
u suli, comu coci, i petri spara.
I fimmani preparanu ‘nu jocu
appena trasi a notti, supa o focu.

I carduna hjuruti, a ribba i mari,
‘nd’i cogghjunu ‘nu mazzu e, a unu a unu
supa a ‘na ‘bbampa i ‘ncignanu a bruschjari
fin’a quando u culuri è tuttu brunu,
doppu i posanu a parti assà ‘mmucciata
e s’abbertunu a’ppressu matinata.

All’arba nesci e grida: “Oh chi furtuna!”
‘na vecchja ‘nt’a ‘nu spicu assà cuntenta,
“mi hjuriru stanotti ‘sti carduna,
pe’ ‘n’annu ancora nugliu mi spaventa,
San Gianni a morti mia teni luntana,
benidittu ‘stu jornu e ‘sta simana!

‘N’attra, scuntenta, ‘ncasa si ritira
e pe ‘na settimana staci chjusa,
prega a San Gianni soi, prega e suspira,
pensandu a gli carduna c’a cimusa
chi non hjuriru, veru signu amaru
ca pe chigli’annu glià non ‘nccè riparu!

Pe’ l’omani dapò, ‘nt’a ‘nu biccheri
si squagghia chjumbu pe’ ‘nu jornu ‘nteru:
quand’è squagghjatu e ditti tri pregheri,
si jetta all’acqua e surgi nu penseru:
se sunnu chjova, sunnu cosi amari,
signu ca non si poti cchjù campari.

Chjgliu ch’esti spusatu, avanti e chjova,
si senti mali ‘nt’a ‘gliù cori soi:
se ‘nd’avi ‘na ferita si rinnova
i chi manera i gliù mumentu ‘mpoi…
‘gli chjova sunnu chjova d’a mugghjeri,
si veni mi s’affuca e pemmi peri.

Se sunnu rosi, chista è cosa rara,
oh, chi scialata propriu a ‘gliu mumentu!
‘ncigna a rridiri e tuttu si prepara
pecchì non suffri ‘cchjù nugliu spaventu:
pe’ ‘n’annu non ‘nci su doluri e peni
e c’u l’amata sua si voli beni.

Nescinu a menzanotti ‘gli magari
c’u ceramidi, cinniri e piruna,
‘ccendunu u focu e ‘ncignanu a hjuhhiari
tenendu patennostri c’u curduna,
po’ dinnu tanti cosi jiendu tundu
comu fussiru cosi i ‘mpernu fundu.

Facendu ‘gli misteri, vonnu diri
ca San Gianni ch’è santu veramenti
alluntana malocchju e cosi niri
chi veninu jettati d’attra genti,
malocchju, cosi niri e focu randi
chi veninu portati d’attri vandi.

Veni San Gianni, tempu di calura,
ognunu a tanti cosi si prepara:
cu ‘lluntana malocchju e jettatura,
cu’ cerca pemmi vidi e pemmi ‘mpara.
Puru c’o mundu prova guerra o paci,
chigliu chi si facìa, sempi si faci.

San Giovanni

Viene il giorno di San Giovanni
nel periodo di gran calura
i fichi abbondano su ogni albero
il tempo non è più nuvoloso
il sole cocente le pietre spappola.
Le donne preparano uno strano rituale, come fosse un gioco
appena si fa notte, sopra il fuoco.

I cardi mariani fioriti in riva al mare
raccolgono in un bel mazzetto e ad uno ad uno
sopra la fiamma li iniziano a bruciacchiare
fino a quando assumono un colore scuro.
Dopo, vengono nascosti in un luogo molto appartato
per essere controllati il giorno dopo.

All’alba, vien fuori da un angolo della casa
una vecchia che contenta grida “Oh che fortuna!
stanotte sono fioriti i miei cardi, per un anno
ancora niente e nessuno mi farà paura!
San Giovanni la mia morte tiene lontana
che sia benedetto questo giorno e questa settimana.”

Un’altra, scontenta, si ritira in casa
e per una settimana intera vi resta chiusa
prega il suo San Giovanni, prega e sospira,
pensando a quei cardoni con la cimosa
che non erano fioriti, vero segno nefasto
che per quell’anno non si sarebbe stati al sicuro!

Gli uomini, invece, in un contenitore
sciolgono il piombo per il giorno intero.
Quando è fuso, dicendo tre preghiere
lo gettano nell’acqua fredda, esprimendo una richiesta nel pensiero.
Se il piombo si solidifica a forma di chiodi,
è cattivo presagio e segno di brutta vita.

Se il piombo assume la forma di una rosa, e ciò è cosa molto rara,
tanta felicità prova in quel momento!
Inizia a ridere e si prepara
a non subire più lo spavento
per un anno intero non ci saranno dolori e pene
e con la sua amata si vorranno bene.

Escono a mezzanotte quelle streghe
con tegole, cenere e fuscelli.
Accendono il fuoco e iniziano a soffiare
appendendo il Santo Rosario dai cordoni
poi recitano parole, camminando in cerchio
come fossero cose da profondo inferno.

Facendo quei rituali manifestano
che San Giovanni, che è Santo veramente
può allontanare il malocchio e cose oscure
che vengono augurate da altra gente.
Malocchio, cose oscure e guai grandi
che vengono portati da luoghi distanti.

Viene il giorno di San Giovanni, col tempo di calura,
ognuno a tante cose si prepara.
Chi allontana il malocchio e la iattura,
chi cerca di guardare per imparare.
Nel mondo, sia in tempo di pace che di guerra,
quello che si faceva, sempre si farà.

 

© Riproduzione Riservata