Sei qui: Home » Poesie » The Hill We Climb, la poesia che invita all’unione per avere un futuro

The Hill We Climb, la poesia che invita all’unione per avere un futuro

Scopri il vero significato delle parole di The Hill We Climb di Amanda Gorman e la loro importanza nel contesto storico che stiamo vivendo

Scaliamo insieme la collina, potrebbe essere questa la traduzione di The Hill We Climb, il titolo della poesia scritta da Amanda Gorman. The Hill We Climb è diventata famosa in tutto il mondo perché recitata dalla stessa Gorman in occasione del giuramento di Joe Biden, presidente degli Stati Uniti d’America.

Le parole pronunciate dalla ventiquattrenne laureata ad Harvard e certificata National Youth Poet Laureate, hanno dato mostra di una solidità rara, di una lucidità di pensiero che meriterebbero di essere ascoltate da tutti nessuno escluso. 

Alla cerimonia di insediamento del presidente Joe Biden, sui gradini del Capitol di Washington, Amanda Gorman ha incantato il mondo. La giovane afro-americana di Los Angeles, ha catturato in versi lo storico momento della transizione dalla presidenza di Donald Trump a quella di Joe Biden emozionando politici e decine di milioni di spettatori a casa. Una poesia, peraltro, scritta dopo le violenze dell’assalto al Congresso del 6 gennaio 2021, un attacco all democrazia americana e non solo.

Dovremmo tutti imparare che in politica si vince e si perde. Chi perde deve accettarlo, questa è la democrazia. Chi vince ha il diritto di poter governare e il dovere di rispettare tutti i cittadini nessuno escluso, perché le disparità sono da condannare.

I versi di The Hill We Climb per placare lo scontro

Le parole di questa poesia dovrebbero ammorbidire gli animi, in primis dei nostri politici troppo presi a lottare per il dominio ed il controllo di un’Italia che in questo momento ha bisogno della massima unione e armonia. Lo scontro che si sta vivendo in questo Paese rischia di rivelarsi distruttivo per le sorti dell’intera popolazione italiana.

La tempesta perfetta creata dalla pandemia, dalla crisi economica internazionale, dalla guerra in Ucraina e dagli scontri tra le diverse potenze mondiali (Usa contro Cina) hanno creato una crisi economica globale che evidenzia le conseguenze i più poveri.

Facciamo attenzione che la povertà rischia di colpire sempre più italiani. La tensione sociale rischia di manifestarsi con la massima forza. Per questo le parole di questa poesia dovrebbero essere ascoltate.

Colmiamo il divario perché sappiamo che per mettere il nostro futuro al primo posto
Dobbiamo per prima cosa mettere da parte le nostre differenze
Deponiamo le armi
Così da poter tendere le braccia l’uno all’altro

Versare benzina sul fuoco in un momento come questo potrebbe avere conseguenze pericolose. Fare opposizione o manifestare per principio non serve agli italiani, non si fa un servizio al Paese. Mostriamo la responsabilità di placare lo scontro e di sostenere in modo responsabile e costruttivo le iniziative che servono al Paese. Certo, l’opposizione e il manifestare sono sacri diritti di un popolo libero, ma la responsabilità di farlo in modo costruttivo e armonico è civiltà.

The Hill We Climb un invito al dialogo per conquistare il futuro

Se vogliamo vivere all’altezza del nostro tempo
Allora la vittoria non starà nella lama
Ma in tutti i ponti che abbiamo costruito

In un Paese che vuole guardare al futuro la vittoria di tutti non è nello scontro. L’armonia, la solidarietà, il sostegno reciproco sono l’unica via che potrà garantire un vero futuro a tutta la popolazione. 

Certo, ciò richiede di demolire i muri ideologici e le prese di posizione ingiustificate. Guardando la realtà e soprattutto assistendo ai dibattiti (una vera e propria battaglia) che vediamo in Televisione e sui social questo è la montagna più difficile da scalare. Assistiamo ad un modo di interagire basato sull’offesa e sull’insulto. Il rispetto per l’opinione altrui è diventata lontana memoria (se mai è esistito). Questo è sul principale problema di uno Stato che vuole costruire e guardare al futuro, perché non si è mai d’accordo su niente.

Il pericolo è il fraintendimento continuo. Se dici questo significa che sei di destra, se dici quest’altro sei di sinistra. Ma, nell’era e nel momento storico in cui siamo questi confini hanno ancora senso?

Dovremmo imparare che non sono le appartenenze a decretare i buoni e i cattivi. La buona o la cattività volontà possono appartenere a tutti. Se solo si ragionasse così l’ascolto dell’altro diventerebbe costruttivo e la critica preziosa. 

Proviamo a cambiare il punto di vista

Non ci sentivamo preparati a essere gli eredi di un’ora tanto terrificante
Ma dentro di essa abbiamo trovato la forza di scrivere un nuovo capitolo
Di offrire speranza e risate a noi stessi
E così, mentre un tempo chiedevamo:
Come potremo mai prevalere sulla catastrofe?
Ora affermiamo:
Come potrebbe mai la catastrofe prevalere su di noi?

Se cambieremo il nostro approccio e favoriremo il vero dialogo e il rispetto degli altri potremo superare questo momento difficile per tutti. Nei momenti bui l’aiuto reciproco è fondamentale. Solo guardando oltre gli steccati si potrà uscire fuori da questo buio che rischia di renderci ciechi tutti. Noi ci crediamo e le parole di Amanda Gorman andrebbero immediatamente assimilate dai media, dalla politica, da tutti noi nessuno escluso. 

Dovrebbero diventare insegnamento per i bambini e i ragazzi a Scuola. Ai più giovani stiamo offrendo uno spettacolo e un insegnamento culturale pericolosissimo. La Tv, la rete e i social sono nelle mani degli adulti, non dei ragazzi. 

Seguo con sconcerto i talk show televisivi, i post sui social, gli organi d’informazione per scoprire che ciò che viene proposto e va in evidenza è il peggio. La cultura di un popolo se ancora non fosse chiaro si costruisce attraverso questi contenitori, i quali hanno la responsabilità di creare ciò che merita di essere seguito ed ascoltato. Non ci vuole tanto a capirlo.

Tutto ciò a cui assistiamo divide. Adesso c’è invece bisogno di creare unione, di fare squadra come si suol dire. Solo così potremo garantirci un futuro.

The Hill We Climb (trad. Italiana), la poesia di Amanda Gorman

Quando spunta il giorno ci chiediamo:
Dove possiamo trovare luce in quest’ombra senza fine?
La perdita che portiamo dentro, un mare che dobbiamo guadare
Abbiamo sfidato il ventre della bestia
Abbiamo imparato che la quiete non è sempre pace
E le norme e le nozioni di ciò che è giusto
Non sono sempre giustizia

Eppure l’alba è nostra prima ancora di rendercene conto
In qualche modo ce la facciamo
In qualche modo abbiamo resistito e assistito
A una nazione che non è spezzata, ma semplicemente incompiuta
Noi, i successori di un Paese e di un tempo
Dove una smilza ragazza nera discendente da schiavi e cresciuta da una ragazza madre
Può sognare di diventare presidente
Per poi ritrovarsi a declamare per chi lo è

E sì, siamo tutt’altro che impeccabili, tutt’altro che immacolati
Ma non significa che ci stiamo sforzando di formare un’unione che sia perfetta
Ci stiamo sforzando di forgiare la nostra unione con determinazione
Comporre un Paese che prenda un impegno con tutte le culture, i colori, i caratteri e le condizioni dell’uomo
E così alziamo lo sguardo non su ciò che sta tra noi,
Ma su ciò che sta davanti a noi

Colmiamo il divario perché sappiamo che per mettere il nostro futuro al primo posto
Dobbiamo per prima cosa mettere da parte le nostre differenze
Deponiamo le armi
Così da poter tendere le braccia l’uno all’altro
Danno non portiamo ad alcuno, e armonia per tutti
Che il globo, se non altro, dica che questa è la verità:
Che anche mentre eravamo in lutto, siamo cresciuti
Che anche mentre soffrivamo, speravamo
Che anche se sfiniti, abbiamo tentato
Che saremo per sempre legati insieme, vittoriosi
Non perché non conosceremo mai più sconfitta
Ma perché non semineremo mai più divisione

La Scrittura ci dice di immaginare
Che tutti possano sedere sotto la propria vite e il proprio albero di fico
E che nessuno li renda impauriti
Se vogliamo vivere all’altezza del nostro tempo
Allora la vittoria non starà nella lama
Ma in tutti i ponti che abbiamo costruito
Questa è la promessa verso la radura
Il colle che scaliamo
Se solo osiamo
Perché essere americani è più di un orgoglio che ereditiamo,
È il passato in cui entriamo e il modo in cui lo ripariamo
Abbiamo visto una forza che vorrebbe frantumare la nostra nazione piuttosto che condividerla
Che distruggerebbe il nostro Paese se questo volesse dire sospendere la democrazia
E questo sforzo è quasi riuscito
Ma se la democrazia può essere periodicamente sospesa
Non potrà mai essere definitivamente sconfitta

In questa verità
In questa fede crediamo
Perché mentre puntiamo gli occhi sul futuro
La Storia ha gli occhi puntati su di noi
Questa è l’era della giusta redenzione
Abbiamo temuto al suo inizio
Non ci sentivamo preparati a essere gli eredi di un’ora tanto terrificante
Ma dentro di essa abbiamo trovato la forza di scrivere un nuovo capitolo
Di offrire speranza e risate a noi stessi
E così, mentre un tempo chiedevamo:
Come potremo mai prevalere sulla catastrofe?
Ora affermiamo:
Come potrebbe mai la catastrofe prevalere su di noi?

Non marceremo in ritirata verso ciò è stato
Ma muoveremo avanti verso ciò che sarà
Un paese ammaccato ma intero, benevolo ma audace, feroce e libero
Non verremo respinti o interrotti dalle intimidazioni
Perché sappiamo che la nostra inazione e la nostra inerzia
Saranno l’eredità della prossima generazione
I nostri madornali errori diventeranno i loro fardelli

Ma una cosa è certa:
Se uniamo la misericordia alla potenza,
E la potenza al giusto,
Allora l’amore diventerà la nostra eredità
E cambierà il diritto di nascita dei nostri figli
Quindi facciamo sì di lasciare un Paese migliore di quello che abbiamo ereditato
A ogni respiro del mio petto forgiato dal bronzo,
Faremo di questo mondo ferito un mondo meraviglioso
Ci rialzeremo dalle colline dorate dell’Ovest,
Ci rialzeremo dal Nordest battuto dai venti,
Dove i nostri antenati portarono per la prima volta a compimento la rivoluzione
Ci rialzeremo dalle città circondate dai laghi negli stati del Midwest,
Ci rialzeremo dal Sud soleggiato

Ricostruiremo, ci riconcilieremo e guariremo
In ogni nicchia conosciuta della nostra nazione,
In ogni angolo che chiamiamo il nostro Paese,
Il nostro popolo variegato e bello emergerà, malconcio e bello
Quando spunta il giorno, noi usciamo dall’ombra, ardenti e impavidi
La nuova alba sboccia mentre la liberiamo
Perché c’è sempre luce
Se siamo abbastanza coraggiosi da vederla
Se siamo abbastanza coraggiosi da essere noi stessi luce.

The Hill We Climb (trad. Italiana), la poesia di Amanda Gorman

When day comes we ask ourselves:
Where can we find light in this neverending shade?
The loss we carry, a sea we must wade
We’ve braved the belly of the beast
We’ve learned that quiet isn’t always peace
And the norms and notions of what “just” is
Isn’t always justice

And yet, the dawn is ours before we knew it
Somehow we do it
Somehow we’ve weathered and witnessed
A nation that isn’t broken but simply unfinished
We the successors of a country and a time
Where a skinny Black girl descended from slaves and raised by a single mother
Can dream of becoming president
Only to find herself reciting for one

And yes we are far from polished, far from pristine
But that doesn’t mean we are striving to form a union that is perfect
We are striving to forge our union with purpose
To compose a country committed to all cultures, colors, characters and conditions of man
And so we lift our gazes not to what stands between us,
But what stands before us
We close the divide because we know, to put our future first,

We must first put our differences aside
We lay down our arms
So we can reach out our arms to one another
We seek harm to none and harmony for all
Let the globe, if nothing else, say this is true:
That even as we grieved, we grew
That even as we hurt, we hoped
That even as we tired, we tried
That we’ll forever be tied together, victorious
Not because we will never again know defeat
But because we will never again sow division

Scripture tells us to envision
That everyone shall sit under their own vine and fig tree
And no one shall make them afraid
If we’re to live up to our own time
Then victory won’t lie in the blade
But in all the bridges we’ve made
That is the promise to glade
The hill we climb
If only we dare it
It’s because being American is more than a pride we inherit,
It’s the past we step into and how we repair it
We’ve seen a force that would shatter our nation
rather than share it
Would destroy our country if it meant delaying democracy
And this effort very nearly succeeded
But while democracy can be periodically delayed
It can never be permanently defeated

In this truth
In this faith we trust
For while we have our eyes on the future
History has its eyes on us
This is the era of just redemption
We feared at its inception
We did not feel prepared to be the heirs of such a terrifying hour
But within it we found the power to author a new chapter
To offer hope and laughter to ourselves
So while once we asked:
How could we possibly prevail over catastrophe?
Now we assert:
How could catastrophe possibly prevail over us?

We will not march back to what was
But move to what shall be
A country that is bruised but whole, benevolent but bold, fierce and free
We will not be turned around or interrupted by intimidation
Because we know our inaction and inertia
Will be the inheritance of the next generation
Our blunders become their burdens

But one thing is certain:
If we merge mercy with might, and might with right,
Then love becomes our legacy
And change our children’s birthright
So let us leave behind a country
Better than the one we were left with
Every breath from my bronze-pounded chest,
We will raise this wounded world into a wondrous one
We will rise from the gold-limbed hills of the West,
We will rise from the windswept Northeast
Where our forefathers first realized revolution
We will rise from the lake-rimmed cities of the midwestern states,
We will rise from the sunbaked South

We will rebuild, reconcile and recover
In every known nook of our nation and every corner called our country,
Our people diverse and beautiful will emerge,
battered and beautiful
When day comes we step out of the shade, aflame and unafraid
The new dawn blooms as we free it
For there is always light,
If only we’re brave enough to see it
If only we’re brave enough to be it.

© Riproduzione Riservata