Sei qui: Home » Poesie » “Stringiti a me” di D’Annunzio, l’emozione del contatto fisico in poesia
poesia d'amore

“Stringiti a me” di D’Annunzio, l’emozione del contatto fisico in poesia

Oggi il distanziamento sociale ci obbliga a ridurre il contatto fisico. Riscopriamo anche solo in versi l'importanza del tatto tra persone nella poesia di Gabriele D'Annunzio

L’essenza dell’amore è il contatto fisico che avviene tra due persone che si amano. A ben interpretare questo valore è Gabriele D’Annunzio nella poesia intitolata “Stringiti a me“. Una lirica piena di intensità, che celebra l’abbraccio, la ricerca di protezione e di abbandonarsi al partner per allontanare problemi e tormenti. Oggi, in epoca di distanziamento sociale e distanze di sicurezza, il contatto fisico è sempre meno possibile e si rischia di perderne il significato più puro. Ecco perché è bene rileggere i versi di D’Annunzio che ne celebrano il valore umano e affettivo.

Il contatto fisico e l’abbandono verso l’amato

In questa poesia, contenuta nel libro “Il fuoco“, D’Annunzio invita la sua amata ad abbandonarsi, sicura, perché in questo modo “io non ti mancherò e tu non mi mancherai”. La ricerca di contatto fisico secondo D’Annunzio è allo stesso tempo anche la ricerca di un equilibrio, un tentativo di entrare in simbiosi tra i due amanti, cosicché “il nostro amore potrà riposare per sempre, immutabile.”

La storia d'amore tra Eleonora Duse e Gabriele D'Annunzio

La storia d’amore tra Eleonora Duse e Gabriele D’Annunzio

L’amore leggendario tra Gabriele D’Annunzio ed Eleonora Duse rappresenta un’epoca cruciale per la cultura occidentale: la Belle Époque

L’apertura e la fiducia tra innamorati

Gabriele D’Annunzio attraverso il contatto fisico vuole evitare qualsiasi tipo di atteggiamento di chiusura nell’amata. Quest’ultima è invitata a “non soffrire sola, non nascondermi il tuo tormento!”. L’autore D’annunzio invita la donna a parlargli “quando il cuore ti si gonfia di pena”, nella speranza che lui possa consolarla. “Lascia che io ti aiuti, poiché da te mi viene tanto bene!”

Come accorgerci della bellezza intorno a noi secondo Gabriele D'Annunzio

Come accorgerci della bellezza intorno a noi secondo Gabriele D’Annunzio

Come cogliere la bellezza di quanto ci circonda? La citazione del giorno è tratta dal dramma “Il ferro”, scritto da Gabriele D’Annunzio nel 1913

Stringiti a me, poesia di Gabriele D’Annunzio

Stringiti a me,
abbandonati a me,
sicura.
Io non ti mancherò
e tu non mi mancherai.

Troveremo,
troveremo la verità segreta
su cui il nostro amore
potrà riposare per sempre,
immutabile.

Non ti chiudere a me,
non soffrire sola,
non nascondermi il tuo tormento!

Parlami,
quando il cuore
ti si gonfia di pena.

Lasciami sperare
che io potrei consolarti.
Nulla sia taciuto fra noi
e nulla sia celato.

Oso ricordarti un patto
che tu medesima hai posto.

Parlami
e ti risponderò
sempre senza mentire.

Lascia che io ti aiuti,
poiché da te
mi viene tanto bene!

© Riproduzione Riservata