Sei qui: Home » Poesie » “Io vorrei vivere addormentato”, la poesia di Penna sul vivere senza soffrire
poesie d'autore

“Io vorrei vivere addormentato”, la poesia di Penna sul vivere senza soffrire

Sandro Penna, con poche parole, riesce a tradurre un desiderio comune: vivere con dolcezza, tranquillità, senza essere feriti.

Sarebbe bello poter vivere con la stessa tranquillità che abbiamo quando ci addormentiamo. Sarebbe bello. Sandro Penna, nel 1939, nella sua raccolta “Poesie”, scrive questo nel breve ma intenso componimento “Io vorrei vivere addormentato”. Una condizione esistenziale desiderata con profonda passione, quella di approcciare alla vita con pace.

Vivere abbracciato alla vita stessa

Partecipare alla vita senza subirne le crudeli conseguenze. Una speranza, quella di Sandro Penna, che in realtà ognuno di noi ha. Un mondo che ferisce, fa paura, ci fa vivere con gli aculei pronti a pungere. Sentirsi precari, vulnerabili, ci fa sentire frangibili. Ecco, questa è la base delle sofferenze, delle frustrazioni. Per questo vorremmo acquistare, per vivere,  quella tranquillità e quella sensazione di pace tipica del sonno. Perché quando dormiamo ci sentiamo un po’ protetti da tutto, ci chiudiamo in una dimensione di protezione. Questo vorrebbe Sandro Penna: vivere addormentato e abbracciato, accoccolato agli ingranaggi della vita. Si, la vita: un rumore presente che non stordisce, bensì diventa dolce.

La poesia di Sandro Penna

Illuminata, visionaria e sensuale ma non per questo non concettuale: è questa la poesia di Sandro Penna. Versi restii come ogni piacente, alle vivisezioni critiche, capaci, grazie ad una misteriosa angosciata limpidezza, che è madre della stessa poesia di Penna, di risollevare i sassi immaginari di un’anima crollata, provando il piacere in un fresco riemergere, come fanno quei fiori che spuntano attraversando l’asfalto.

Io vorrei vivere addormentato, la poesia

Io vivere vorrei addormentato

entro il dolce rumore della vita.

 

Stella Grillo

 

 

© Riproduzione Riservata