Sei qui: Home » Poesie » “Fingere che sei forte” di Paulo Coelho per amare le nostre fragilità
Paulo Coelho

“Fingere che sei forte” di Paulo Coelho per amare le nostre fragilità

"Fingere che sei forte" di Paulo Coelho, è una breve poesia sulla bellezza delle nostre fragilità e sul potere della vulnerabilità.

“Fingere che sei forte è una breve poesia di Paulo Coelho, noto scrittore brasiliano. In questa poesia Coelho sottolinea l’importanza delle nostre fragilità e della nostra vulnerabilità; In un periodo storico così complesso, ci aiuta a capire che far finta di essere forti non serve a nulla. Le maschere e le corazze non ci portano lontano, ora il tempo di amare anche la nostra parte fragile. 

Imparare ad smascherare le emozioni

Perché dovremmo fingere di essere forti? Perché dobbiamo fingere di essere quelli che non siamo? Molto spesso, la nostra società e i tempi che viviamo, ci impongono degli standard di “forza”. È così che noi non sappiamo più apprezzare la nostra vulnerabile fragilità. In questa poesia, lo scrittore Brasiliano Paulo Coelho, ci porta a riflettere proprio su questo. La storia di questo scrittore è colma di lunghi viaggi che hanno portato quest’ultimo a riflettere sul senso della vita e sul senso della nostra anima. È da queste esperienze di lunga riflessione, che nasce questa poesia. La forza, infatti, non si dimostra dicendo che va sempre tutto bene, ma si dimostra anche con le lacrime. Saper piangere significa saper entrare in contatto con noi stessi e questo ci porta ad essere persone consapevoli e, perciò, forti.  La storia ci trova immersi in una pandemia globale, dove dobbiamo imparare a smascherare le nostre emozioni più profonde. Questo il tempo per essere “veri”, anche nelle difficoltà, per sapere, un domani, sorridere di più. 

Fingere che sei forte, la poesia di Paulo Coelho 

Tu non hai bisogno di fingere che sei forte,

non devi sempre dimostrare che tutto sta andando bene,

non puoi preoccuparti di ciò che pensano gli altri,

se ne avverti la necessità piangi

perché è bene che tu pianga fino all’ultima lacrima,

poiché soltanto allora potrai tornare a sorridere.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Giornata Nazionale del Paesaggio, cinque opere d’arte per celebrarla

Cosa significa lockdown e qual è la vera origine della parola

Successivo