Sei qui: Home » Poesie » Amanda Gorman, la poetessa disabile che leggerà per Joe Biden

Amanda Gorman, la poetessa disabile che leggerà per Joe Biden

La giovane poetessa Amanda Gorman, di soli 23 anni, leggerà durante l'inaugurazione della nuova presidenza di Joe Biden. La più giovane di sempre, afroamericana e disabile. Un vero esempio.

La più giovane a leggere per un presidente degli Stati Uniti durante il suo giuramento. Parliano di Amanda Gorman, attivista contro l’oppressione degli afroamericani, decisa femminista, e prima vincitrice del premio National Youth Poet Laureate. Joe Biden ha scelto lei e stiamo aspettando tutti il suo intervento durante il giuramento del prossimo presidente degli Stati Uniti d’America. Il suo discorso verterà sulle violenze del 6 gennaio. “Non ho intenzione di sorvolare in alcun modo su ciò che abbiamo visto”, dice la poetessa.

Giovane, femminista, e con una disabilità

“Essere disabile è la mia forza”, ha sempre detto Amanda Gorman. “Mi ha reso l’artista che sono e la narratrice che mi sforzo di essere. Quando devi insegnare a te stesso a pronunciare dei suoni, quando devi essere molto preoccupato per la pronuncia, ti dà una certa consapevolezza del suono, dell’esperienza uditiva”. Questa sua capacità di rendere le esperienze negative, in motori per andare avanti, l’ha portata fin qui, oggi, a leggere il discorso “The Hill We Climb”, scritto per il presidente Joe Biden.

La responsabilità di Amanda Gorman

Esausta, preoccupata di non essere all’altezza, Amanda Gorman, due settimane fa, si trovava a finire il suo lavoro intitolato “The Hill We Climb”, poesia sull’unità nazionale da recitare all’inaugurazione del presidente eletto Joseph R. Biden Jr.
Come afferma lei stessa: “Ho avuto questa cosa enorme, probabilmente una delle cose più importanti che farò mai nella mia carriera. Era come se, se provassi a scalare questa montagna tutto in una volta, sarei semplicemente svenuto.”
Gorman è riuscita a scrivere poche righe al giorno ed era circa a metà del poema, il 6 gennaio, quando i rivoltosi pro-Trump hanno fatto irruzione nelle sale del Congresso. Così, rimase sveglia fino a tarda notte e finì la poesia, aggiungendo versi sulla scena apocalittica che si svolse al Campidoglio quel giorno:

“Abbiamo visto una forza che avrebbe distrutto la nostra nazione piuttosto che condividerla, Distruggerebbe il nostro paese se significasse ritardare la democrazia. E questo sforzo è quasi riuscito. Ma mentre la democrazia può essere periodicamente ritardata, Non può mai essere definitivamente sconfitto.”

Una giovane poetessa che entrerà nella storia

Amanda Gorman entrerà nella storia per essere la poetessa più giovane ad aver affrontato un evento così importante. Ha deciso di scrivere una poesia per portare speranza e promuovere un senso di scopo collettivo, in un momento in cui gli americani stanno vacillando tra una pandemia mortale e violenza politica

 

Stella Grillo

© Riproduzione Riservata