Sono state trovate 3 sceneggiature inedite di Kubrick

Sono state trovate tre sceneggiature sconosciute e inedite del grande maestro Stanley Kubrick. Le tematiche? Il matrimonio e i suoi problemi
Sono state trovate 3 sceneggiature inedite di Kubrick

MILANO – Stanley Kubrick è il genio del cinema dei nostri tempi, che con la sua poetica ha lasciato una traccia indelebile nei nostri cuori. Spaziando in tutti i film di genere, Kubrick li ha rinnovati dotandoli di un ulteriore spessore e potenzialità. Il regista che ci ha lasciati il 7 marzo del 1999, ha ottenuto l’Oscar per 2001, Odissea nello spazio, ma molti altri sono stati dei veri e propri capolavori della settima arte. Eyes Wide Shut, Lolita, Arancia Meccanica, Shining e altri ancora. Ma se vi dicessimo che il grande maestro ci abbia riservato per tutti questi anni altre chicche? Infatti, come afferma il The Guardian, sono state trovate tre sceneggiature inedite di Kubrick nella sua casa in Inghilterra.

LEGGI ANCHE: Stanley Kubrick, il regista con la passione per la fotografia

Tre sceneggiature sul matrimonio

13 sono i film che Stanley Kubrick ha girato nella sua vita, vincendo anche un premio Oscar per 2001, Odissea nello spazio. Ma sono state trovate nella sua dimora nell’Hertfordshire, in Inghilterra, tre sceneggiature inedite. Risalgono al periodo tra il 1954 e il 1956, una fase difficile della vita del regista. Infatti aveva problemi con la seconda moglie Ruth Sobotka, attrice e ballerina. Non a caso le sceneggiature hanno a che fare con il matrimonio e le sue difficoltà. Una delle sceneggiature si intitola “Married Man” (Uomo sposato) e in 35 pagine parla del matrimonio e delle sue delusione. La seconda è “The Perfect Marriage”, invece la terza è “Jealousy” che parla di una storia di risentimento tra due coniugi.

L’incipit di Married Man

“Il matrimonio è come un lungo pasto con il dessert servito all’inizio. Immaginate gli orrori di vivere con una donna che ti si appiccica come una ventosa, la cui vita ruota attorno a te, mattina, pomeriggio e sera? È come annegare in un mare di piume. Sprofondare sempre più a fondo nelle profondità soffocanti dell’abitudine e della familiarità. Se solo avesse lottato in qualche modo. Se si fosse arrabbiata o se si fosse ingelosita, anche una volta soltanto. L’altra notte sono andato a farmi una passeggiata, subito dopo cena. Sono tornato a casa alle due del mattino. Non chiedermi dove sono andato.”

© Riproduzione Riservata