EasyReading, il font che semplifica la lettura ai dislessici

EasyReading è un font che aiuta e facilita la lettura ai dislessici. La filosofia alle spalle è quella dell'inclusione e del considerare la dislessia come un'opportunità
EasyReading, il font che semplifica la lettura ai dislessici

MILANO – EasyReading è il carattere tipografico che aiuta a leggere anche i dislessici. Nell’ottica secondo cui la diversità non è un limite ma un arricchimento e un modo per trovare soluzioni efficaci per tutti, la EasyReading Multimedia, azienda torinese, si sforza di promuovere nel mondo questo tipo di font, unico carattere esplicitamente pensato per i lettori dislessici.

Il font per tutti

Il 10% della popolazione mondiale, ossia circa 700 milioni di persone, è affetta da dislessia. Per questo la EasyReading Multimedia si è proposta l’obiettivo di creare un carattere per facilitare la lettura ai dislessici, considerando la diversità non come un limite, ma come un’occasione per migliorarsi, trovando soluzioni efficaci per tutti. Infatti la filosofia che ha alle spalle è l’approccio inclusivo del design for all. Inizialmente questo tipo di font si adattava all’alfabeto latino, ma con il tempo ha saputo estendersi anche al cirillico e all’alfabeto greco.
La forza di EasyReading, inventato da Federico Alfonsetti, consiste nel creare ampi spazi calibrati che contrastano l’effetto affollamento percettivo, dando così maggior respiro alla lettura. Questo viene raggiunto grazie all’utilizzo di lettere con grazie, che rendono la lettura più scorrevole, e lettere senza grazie, cosicché risulti più facile prevenire lo scambio percettivo tra lettere simili per forma.
Cristina Bachmann, psicologa clinica e psicoterapeuta del Centro Risorse Clinica Formazione e Intervento in Psicologia di Prato, svolgendo esperimenti e studi su un ampio campione di 533 alunni della classe quarta primaria, tra cui normolettori e dislessici, afferma:

I risultati, che appaiono significativi da un punto di vista sia statistico che clinico, ci consentono di affermare che EasyReading può essere considerato un valido strumento compensativo per i lettori con dislessia e un font facilitante per tutte le categorie di lettori

Ma l’aspetto più sorprendente è che le ricerche testimoniano che “EasyReading è un importante aiuto per tutti gli studenti“, come dice sempre la Bachmann, in quanto si nota un “miglioramenti nella scioltezza e nell’accuratezza della lettura” sia tra i normolettori, sia tra i dislessici.
Proprio per essere così efficace, questo font speciale viene adottato da applicazioni di aeroporti, da trasmissioni televisive come Freedom-oltre il confine, dal Teatro regio di Torino, dai Musei, dalle Fondazioni, come la Fondazione Pomodoro a Milano e la Fondazione Einaudi, da case editrici, quali la Pearson Italia e la DeAgostini. Verrà utilizzato anche dal Salone del libro di Parigi.

 

© Riproduzione Riservata