Cercasi libraio alle Maldive, candidature entro il 1 settembre

Tutto vero: il resort 5 stelle Soneva Fushi sull'atollo Baa delle Maldive è alla ricerca di un libraio, le candidature vanno inviate entro il 1 settembre
Cercasi libraio alle Maldive, candidature entro il 1 settembre

MILANO – Sembra un sogno, eppure è la realtà. È possibile inviare la propria candidatura per lavorare come libraio nella libreria del resort di lusso Soneva Fushi, situato sull’atollo Baa alle Maldive.

Libraio alle Maldive cercasi

L’annuncio è comparso sul canale Instagram di The Barefoot Bookseller (Il libraio a piedi nudi, già il nome promette bene!), e l’impiego consiste nella gestione della libreria del resort, gestirne il blog e curare i canali social. La durata è di sei mesi, e le candidature sono da inviare entro il primo di settembre.

«Stiamo ufficialmente accettando le candidature per il prossimo libraio a piedi nudi – cita l’annuncio. Se ti interessa l’opportunità di passare sei mesi vivendo in paradiso e gestendo la libreria locale, questa è la tua occasione!». E le foto della libreria rapiscono letteralmente il cuore. Il resort Soneva Fushi sorge su uno dei ventisei piccoli atolli che costituiscono l’arcipelago delle Maldive. Spiagge bianchissime, acqua cristallina, vegetazione tropicale fanno da teatro alla struttura 5 stelle lusso, che offre tra i suoi numerosi servizi anche quello di una libreria.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da The Barefoot Bookseller (@barefootbookseller) in data:

Il lavoro dei sogni

Ci sono però alcuni requisiti da rispettare: il candidato ideale dovrà avere già avuto almeno un’esperienza lavorativa nella stessa area o in un’area attinente, e dovrà avere un’ottima padronanza della lingua inglese, per poter assistere la clientela internazionale. Oltre a ciò, sarà tenuta in considerazione anche un’approfondita conoscenza della letteratura sia classica che moderna, e – ovviamente – la passione per i libri.

Quindi, in sostanza, si tratta del lavoro perfetto non solo per i librai già professionisti, magari alla ricerca di qualche mese di evasione dalla normalità, ma anche per i numerosi laureati in lettere desiderosi di inserirsi nell’ambito editoriale. Su una cosa possiamo stare certi: l’annuncio non andrà deserto.

© Riproduzione Riservata