News

Bologna, le luminarie omaggiano Lucio Dalla (con refuso)

Bologna, le luminarie omaggiano Lucio Dalla (con refuso)

“Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un pò”, l’ironia sul refuso nelle luminarie che a Bologna omaggiano Lucio Dalla…

MILANO – Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un pò… L’accento sostituisce l’apostrofo nel celebre incipit de “L’anno che verrà” di Lucio Dalla, che da sabato 1 dicembre illumina il centro di Bologna, patria del cantautore. La rete ironizza e il refuso in poche ore viene corretto. Occorrerebbe un ripassino sulle regole grammaticali di accento e apostrofo…

Le luminarie dedicate a Dalla

Le prime luminarie artistiche della città di Bologna sono dedicate a Lucio Dalla, cantautore bolognese e innamorato della sua città. Via d’Azeglio, tra piazza maggiore e via farini, da sempre cuore pulsante della città di Bologna, celebra il cinquantennale della sua pedonalizzazione con l’accensione delle luminarie natalizie che recitano i primi versi de “L’anno che verrà”: Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un po’, e siccome sei molto lontano più forte ti scriverò.
Alle 18 di sabato 1 dicembre le luci realizzate dall’artigiano napoletano Antonio Spezia si sono accese sulle note della canzone di Dalla, un momento di grande emozione per tutti i presenti

La commozione dei presenti

«Quest’iniziativa è molto bella e vi ringrazio, Lucio ne sarebbe contento se fosse ancora qui con noi e noi cosí lo salutiamo» dice, visibilmente commosso, Tobia Righi, storico amico e collaboratore di Lucio Dalla, nonché presidente onorario della Fondazione Lucio Dalla. Emozionato anche l’assessore Matteo Lepore: «Stiamo organizzando tante iniziative con il Consorzio di via d’Azeglio, prima tra tutte quella con la casa museo di Lucio Dalla che sarà aperta al pubblico ogni venerdì,  stiamo inoltre ideando un progetto di formazione per giovani artisti e musicisti, che era del resto anche la missione dello stesso Lucio».

Inevitabilmente, il refuso presente nelle luminarie è stato subito notato, e le proteste non hanno tardato ad arrivare. L’immagine di quel “pò”, erroneamente scritto con l’accento al posto dell’apostrofo, è rimbalzata sul web, finché poche ore dopo è stato corretto. Lucio Dalla ne sarebbe stato contento.

 

Bologna, le luminarie omaggiano Lucio Dalla (con refuso) ultima modifica: 2018-12-03T10:45:55+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti