Arriva il bonus cultura, 500 euro a disposizione dei neomaggiorenni da spendere in cultura

La nuova misura del governo compresa nell’ultima legge di Stabilità entrerà in vigore dal 15 settembre. A benificiarne i ragazzi maggiorenni dal 2016

MILANO – Cinquecento euro per i ragazzi nati nel 1998 da spendere per acquistare libri e visitare musei, gallerie d’arte, andare a teatro, ai concerti, al cinema e partecipare ad eventi culturali. E’ questo il “bonus cultura”, la nuova misura del governo compresa nell’ultima legge di Stabilità che entrerà in vigore dal 15 settembre prossimo e di cui benificeranno i ragazzi che nel 2016 sono diventati o diventeranno maggiorenni.

FONDI A DISPOSIZIONE DEI GIOVANI – I ragazzi potranno accedere al bonus attraverso un’applicazione, la “18app”. Saranno 574.593 i giovani che potranno usufruire del bonus cultura. I 500 euro, tra l’altro, potranno essere spesi entro il 31 dicembre 2017. A occuparsi della misura a Palazzo Chigi è il sottosegretario Tommaso Nannicini che sul Corriere della Sera ha affermato: “Per una volta i fondi per promuovere la cultura non sono ripartiti dalla burocrazia ma dalle decisioni di migliaia di giovani. I soldi andranno laddove si indirizzeranno le scelte dei 18enni”.

COME FUNZIONA – Per usufruire del tesoretto, il maggiorenne dovrà registrarsi in uno dei 5 identity provider (Poste, Aruba, Tim, Infocer e Sielte) per avere lo “Spid”, il Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale che permette agli utenti di essere riconosciuti dallo Stato. Così il ragazzo riceverà le credenziali per accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione e anche a molti servizi privati. Il giovane poi deve scaricare su smartphone, pc o tablet della app chiamata “18app” dal sito dedicato (www.18app.it o www.diciottap.it), oppure da Apple Store e Google Play. Utilizzando lo Spid, il 18enne potrà entrare nel sistema, inserire i suoi dati e automaticamente avrà a disposizione 500 euro, che saranno attivi dal giorno del suo compleanno fino alla fine del 2017. Sulla piattaforma digitale è possibile consultare un elenco di tutti gli esercizi commerciali, negozi, biblioteche, cinema, teatri ecc., tramite i quali i ragazzi potranno scegliere cosa acquistare. Per l’acquisto, si può procedere in due modi: in forma digitale per, ad esempio, comperare un e-book, oppure l’acquisto in forma tradizionale, andando personalmente in libreria, in un museo o in un teatro.

 

 

© Riproduzione Riservata