I 3 libri preferiti di Woody Allen

Woody Allen è uno dei nostri registi preferiti: l'ironia è il suo asso nella manica. Quali saranno i suoi libri preferiti?

MILANO – Woody Allen è il regista che sa raccontare al meglio la classe borghese e il ceto medio della popolazione: le sue tematiche da spaziano dalla crisi esistenziale degli ambienti intellettuali all’autoironia della comunità ebraica newyorkese, dalla critica alla borghesia fino alla critica del capitalismo, con continua citazioni alla letteratura, alla filosofia, alla psicoanalisi, al cinema europeo, e soprattutto alla sua città natale, New York, che costituisce per lui una continua fonte di ispirazione. Quali saranno dunque i libri preferiti del regista di Midnight in Paris, Vicky Cristina Barcelona e Match Point? 

Il giovane Holden, J.D. Salinger

Acquista qui

Il giovane Holden ha sempre avuto un significato speciale per me perché l’ho letto quando ero giovane – 18 anni o giù di lì. Riecheggiava le mie fantasie su Manhattan, l’Upper East Side e la città di New York in generale. Rispetto a tutti gli altri libri che dovevo leggere all’epoca, questo libro era per me un sollievo. Per me, leggere Middlemarch o Educazione sentimentale è una fatica, mentre il giovane Holden è puro piacere. Salinger è riuscito ad intrattenermi dalla prima frase in poi. Quando ero più giovane leggere era qualcosa strettamente legato alla scuola, qualcosa che devi fare per obbligo. Non era qualcosa che facevo per divertimento. Ma Il giovane Holden era diverso. Era divertente e l’atmosfera aveva una grande risonanza emotiva per me. L’ho riletto in alcune occasioni e ne ho sempre attinto.

The World of S.J Perelman, Sidnedy Joseph Perelman

Acquista qui

L’essere umano più divertente della mia vita, con qualsiasi mezzo – sia che si tratti di stand-up, televisione, teatro, prosa o film – è SJ Perelman. Le prime cose erano un po’ ‘selvagge’, non altrettanto sottili o buone. Mentre si sviluppava nel corso degli anni, la sua arte divenne inesorabilmente sensazionale. Ci sono molte collezioni di Perelman che sono piene di grandi cose. Questo, a cui ho scritto la prefazione, ha un numero di pezzi spettacolari. Dato gli editori lo hanno fatto cronologicamente, la mia opinione è che i primi quattro saggi siano più deboli. Una volta raggiunto il quinto “casual”, come lui li chiamava, ha raggiunto il successo e il resto è assoluta genialità comica. Quelli di noi che sono cresciuti con Perelman hanno trovato impossibile evitare la sua influenza. Aveva uno stile così forte e inventivo.

*S.J. Perelman è stato un umorista e sceneggiatore americano

Memorie postume di Brás Cubas, Machado de Assis, William L. Grossman, Shari Frisch, Susan Sontag

L’ho ricevuto per posta un giorno. Un estraneo in Brasile me lo ha inviato e ha scritto “Ti piacerà questo”. E dato che è un libro sottile, l’ho letto. Se fosse stato un libro spesso, l’avrei scartato. Sono rimasto scioccato da quanto fosse affascinante e divertente. Non potevo credere che si fosse vissuto tanto tempo fa come lui. Avrei pensato che fosse stato scritto ieri. È così moderno e così divertente. È un lavoro molto, molto originale. Suonò in me un campanello, proprio come fece Il giovane Holden. Riguardava argomenti che mi piacevano ed è stato trattato con grande intelligenza, grande originalità e nessun sentimentalismo.

Via: FavoriteOf

© Riproduzione Riservata