Sei qui: Home » Lingua Italiana » Si dice “richiamo” e non “booster”, la Crusca “boccia” il ministero della salute
questioni linguistiche

Si dice “richiamo” e non “booster”, la Crusca “boccia” il ministero della salute

Secondo l'Accademia della Crusca, l'abuso del termine "booster" al posto dell'equivalente italiano "richiamo" rappresenterebbe prima di tutto un errore nella comunicazione sociale

“L’abuso del termine booster rappresenta prima di tutto un errore nella comunicazione sociale”. E’ quanto scritto sul gruppo Incipit dell’Accademia della Crusca, che si occupa di esaminare e valutare neologismi e forestierismi “incipienti”. La parola booster era stata usata di recente in una circolare del ministero della Salute del 27 settembre 2021.

 

Aiutare gli italiani a capire

Di seguito riportiamo quanto scritto sul gruppo Incipit dell’Accademia della Crusca: “Sul tema dei vaccini, la diffusione indiscriminata e acritica, tramite media, del termine booster da solo, senza l’equivalente italiano di richiamo, mostra che ancora una volta si è persa una buona occasione per aiutare gli italiani a capire facilmente quello che viene loro proposto, combattendo meglio, grazie a ciò che è già linguisticamente ben noto, eventuali timori o resistenze.”

“C’è poi da chiedersi se si intenda così ‘educare’ una volta di più all’abbandono della nostra lingua – sottolinea il gruppo Incipit in una nota -, o dimostrare che l’italiano non ha parole adatte per le esigenze attuali. Ma quest’ultimo assunto non risulta vero, perché ‘richiamo’, per i vaccini esiste da anni”.

Si scrive "cibersicurezza", la Crusca "boccia" il governo italiano

Si scrive “cibersicurezza”, la Crusca “boccia” il governo italiano

L’Accademia della Crusca “bacchetta” la legislazione italiana, che all’interno del Decreto legge del 10 giugno 2021 utilizza il termine “cybersicurezza” al posto di “cibersicurezza”

“Richiamo” e non “Booster”

L’Accademia della Crusca ricorda che “booster ha in inglese, in campo medico, un significato tecnico molto preciso” e “in italiano, in questi casi, la letteratura medica usa fin dalla prima metà dello scorso secolo la parola richiamo”. Inoltre, “la parola booster è stata usata ora in una circolare del ministero della Salute del 27 settembre 2021”, nella quale “il termine è posto tra virgolette, dopo non più. Accanto alla prima occorrenza, fa capolino anche il traducente richiamo, seppur posto in parentesi (e per fortuna ricompare nel modello del modulo di consenso, anche in questo caso accanto al superfluo booster)”.

Sul tema è intervenuto anche il presidente dell’Accademia della Crusca, Claudio Marazzini, professore emerito di Storia della lingua italiana nell’Università del Piemonte Orientale. Il docente lo ha dichiarato in un’intervista ad Adnkronos in cui ha spiegato che l’uso del termine inglese sarebbe “inutile e incomprensibile”, nonché un’occasione mancata per aiutare gli italiani a capire meglio di cosa si stia parlando, ovvero della dose aggiuntiva di vaccino che serve ad accrescere e rinnovare gli effetti di una inoculazione precedente.

© Riproduzione Riservata