Perché si dice… ”Troppa grazia, sant’Antonio!”

Continua il nostro viaggio alla scoperta delle origini storiche e gli aneddoti che si celano dietro le espressioni che usiamo quotidianamente durante la vita di tutti i giorni. Oggi vi spieghiamo l'origine dell'espressione 'Troppa grazia, sant'Antonio!'.

Continua il nostro viaggio alla scoperta delle origini storiche e gli aneddoti che si celano dietro le espressioni che usiamo quotidianamente durante la vita di tutti i giorni.

Oggi vi spieghiamo l’origine dell’espressione ‘Troppa grazia, sant’Antonio!‘.

 

La frase significa ottenere più di quanto si desidera, con risultati spesso non del tutto positivi. L’espressione viene usata anche nei confronti di chi, per troppa munificenza, mette in imbarazzo il destinatario di un dono o di un beneficio.
Secondo la leggenda, un commerciante, arricchitosi dopo una vita di stenti, realizzò finalmente il sogno della sua vita: comprare un cavallo. Ma quando si trattò di montare in groppa, non riuscì a prendere lo slancio necessario, a causa delle sue gambe troppo corte. Dopo alcuni disperati tentativi, si rivolse a sant’Antonio – suo santo preferito – invocandone la grazia. Quando, invaso da furor sacro, spiccò di nuovo il balzo mise nell’operazione tanta forza che scavalcò addirittura la groppa dell’animale e andò a finire dall’altra parte, a gambe all’aria. L’uomo si rivolse allora al santo, lamentandosi perché la grazia che gli aveva concessa era stata troppa.

(Fonte: Wikipedia)

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti