Perché si dice...

Perché si dice “Sbellicarsi dalle risa”

Continua il nostro viaggio nelle terre della lingua italiana per scoprire le curiosità legate all'origine delle parole e dei modi dire. A cura di Fausto Raso
Perché si dice "Sbellicarsi dalle risa"

Chi non ha mai adoperato questa locuzione che – come sappiamo – significa “ridere senza ritegno”, “smoderatamente”, “ridere senza riuscire a trattenersi? Pochi, però, e non vorremmo “apparire” presuntuosi, conoscono l’origine del modo di dire.

Posts not found

L’origine dell’espressione “Sbellicarsi dalle risa”

Donde viene, dunque? Dal verbo “sbellicare”, di uso intransitivo e rimasto, oggi, solo nella locuzione suddetta e che letteralmente vale “rompere l’ombelico”. Da “bellico” (ombelico) più il prefisso “s-“, che indica separazione o allontanamento. Colui che si “sbellica” dalle risa, quindi, quasi rompe – in senso figurato, naturalmente – l’ombelico.

Altre locuzioni similari

Sulla base di questo primitivo significato sono nate altre locuzioni che alludono alla strana sensazione di sentirsi scoppiare l’addome per un attacco di riso, come “tenersi la pancia dalle risate”, “scoppiare dal ridere” e simili.

Perché diciamo così

Questa e altre espressioni idiomatiche sono protagoniste all’interno del libro “Perché diciamo così” (Newton Compton), opera scritta dal fondatore di Libreriamo Saro Trovato contenente ben 300 modi di dire catalogati per argomento, origine, storia, tema con un indice alfabetico per aiutare il lettore nella variegata e numerosa spiegazione delle frasi fatte. Un lavoro di ricerca per offrire al lettore un “dizionario” per un uso più consapevole e corretto del linguaggio. Un “libro di società” perché permette di essere condiviso e di “giocare” da soli o in compagnia alla scoperta dell’origine e dell’uso corretto dei modi di dire che tutti i giorni utilizziamo. Un volume leggero che vuole sottolineare l’importanza delle espressioni idiomatiche. Molte di esse sono cadute nel dimenticatoio a causa del sempre più frequente utilizzo di espressioni straniere e anglicismi. 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti