Sei qui: Home » Lingua Italiana » Perché si dice “martedì grasso”? Origine e tradizioni del Carnevale
martedì grasso

Perché si dice “martedì grasso”? Origine e tradizioni del Carnevale

Da dove proviene il nome del giorno principale legato alle celebrazioni del Carnevale, il cosiddetto “martedì grasso“?

Il Carnevale è una delle feste più amate dell’anno. Una ricorrenza attesa soprattutto dai bambini, i quali possono travestirsi dai loro personaggi più amati. Oltre ad una connotazione più mondana, il Carnevale ha anche una connotazione religiosa. Con il martedì Grasso si chiudono i 7 giorni “grassi” di Carnevale, durante i quali si tengono molte sfilate in maschere e vari scherzi carnevaleschi, quest’anno annullate o rinviate a causa delle restrizioni anti-Covid. Ma dove proviene il nome della giornata principale di festa, il cosiddetto “martedì grasso“?

Il Carnevale

Il Carnevale per la Chiesa Cattolica indica il periodo che precede i quaranta giorni di Quaresima, che a loro volta precedono la Pasqua. Se la Quaresima è un periodo di pentimento e intensa preghiera che serve per prepararsi spiritualmente alla festa più importante dell’anno, il periodo che la precede è l’esatto opposto. I festeggiamenti del Carnevale, un periodo di gioia e divertimento, culminavano tradizionalmente il martedì, giorno che precede il “Mercoledì delle Ceneri” il primo giorno di Quaresima.

Perché si dice “martedì grasso”

Il martedì che conclude le festività legate al Carnevale si chiama martedì grasso  perché era abitudine consumare in questo giorno gli ultimi cibi gustosi e succulenti rimasti in dispensa. Non solo la carne, tradizionalmente considerata un cibo ricco, ma anche i dolci tipici del periodo e che variano da regione a regione. Il loro alto contenuto di zuccheri li rende alimenti detti, appunto, “grassi”. Il martedì grasso è, quindi, il giorno in cui culminano i festeggiamenti in maschera e la preparazione dei dolci di Carnevale. A fare eccezione è Milano, città che tradizionalmente segue il calendario gregoriano e che fa scalare l’inizio della Quaresima di una settimana festeggiando quindi il Carnevale durante il sabato grasso.

© Riproduzione Riservata