Perché si dice…”Di riffa o di raffa”?

Perché si dice "Di riffa o di raffa"? E qual è l'origine di questa espressione? Ce lo spiega il linguista Fausto Raso
Perché si dice...

MILANO – Perché si dice “Di riffa o di raffa”? Quante volte vi sarà capitato di dire o di sentir dire: ‘di riffa o di raffa, hai ottenuto ciò che volevi’? Ovvero, lo scopo è stato raggiunto in un modo o nell’altro, comunque sia. Questo è, infatti il significato dell’espressione. Ma qual è la sua origine?

Il termine riffa è conosciutissimo; se apriamo un qualsivoglia vocabolario (anche quelli che definiamo “permissivi”) alla voce in oggetto, possiamo leggere: lotteria privata, avente per premio un oggetto di valore. Ciò che, probabilmente, molti non sanno, o meglio non conoscono, è la derivazione di questo vocabolo che non ha origini italiche bensí iberiche. Riffa è, infatti, l’adattamento della voce spagnola “rifa” che significa, per l’appunto, “lotteria”. Non dobbiamo dimenticare che il nostro Paese, nel corso dei secoli, è stato terra di conquista di molti popoli, tra i quali anche gli Spagnoli; è normale, quindi, che la lingua italiana abbia risentito dell’influenza del lessico di questo popolo.

Per la spiegazione della locuzione “di riffa o di raffa” occorre sapere, però, che ‘riffa’ ha anche un’altra accezione, ovvero quella di “prepotenza”. L’etimologia, in questo caso, non è molto chiara. Alcuni Autori la fanno derivare dall’uso partenopeo di  ‘riffa’ nel significato di “contesa”, “baruffa”. Raffa, invece, deriva dall’antico verbo “raffare”, aferesi di “arraffare” (l’aferesi – in linguistica – è la caduta di una o piú lettere all’inizio di una parola), “afferrare”, “strappare con violenza”. Di riffa o di raffa, in un modo o nell’altro, quindi – stando all’etimologia dei due termini – sempre di prepotenza.

Fausto Raso

© Riproduzione Riservata