Sei qui: Home » Lingua Italiana » Perché si chiama Coronavirus? L’origine della parola
il singificato della parola Coronavirus

Perché si chiama Coronavirus? L’origine della parola

Cosa significa Coronavirus? Qual è la corretta pronuncia? Lo abbiamo chiesto a Salvatore Claudio Sgroi professore ordinario di Linguistica generale

“Coronavirus” è la parola più utilizzata del momento. Non c’è organo di informazione o persona che sui social o dal vivo non la stia utilizzando o ne senta discutere in merito almeno una volta al giorno. Ma perché si chiama Coronavirus? Qual è l’origine della parola? Qual è la corretta pronuncia della parola Coronavirus? In attesa di conoscere come sconfiggere il virus, abbiamo chiesto a Salvatore Claudio Sgroi, già professore ordinario di Linguistica generale presso l’Università di Catania ed esperto di storia della terminologia linguistica, di capire perché si chiama Coronavirus e qual è la corretta pronuncia della parola.

Cos'è l' infodemia? Ecco il significato della parola associata al coronavirus

Cos’è l’ infodemia? Ecco il significato della parola associata al coronavirus

A citarla per prima l’Organizzazione Mondiale della Sanità all’interno del suo report sul coronavirus. Ecco il significato e l’origine del neologismo infodemia

L’etimologia della parola

Per quanto riguarda l’origine o etimo del termine Coronavirus, si tratta, contrariamente a quanto si legge in tutti i dizionari, con l’eccezione del GRADIT di Tullio De Mauro (2003 e II ed. 2007), di un anglo-latinismo, come emerge dalla struttura morfologica del composto, con “testa a destra” ‘virus a corona’. E chi non ama gli anglicismi, come il gruppo INCIPIT, propone appunto il calco ‘virus (a) corona’. In inglese, il composto è formato con i termini del lat. scient. corona e virus  e sembra risalire al 1968.

buone-abitudini-sociali

Coronavirus, come educare i cittadini alla salute

L’emergenza Coronavirus deve rendere tutti consapevoli che la promozione e l’educazione alla salute sono l’unico strumento in grado di aumentare il controllo sulla propria salute

La corretta pronuncia

In italiano la pronuncia pan-italiana, diffusa da tutti i mass media, è quella ortografica, <coronavirus>, favorita anche dal fatto che il parlante comune non percepisce che si tratta di un anglo-latinismo.  Trattandosi però di un anglicismo diffuso ormai nel mondo la pronuncia inglese o americana per il prestigio proprio dell’anglo-americano ha cominciato a far capolino anche in italiano, variamente adattata. Da qui  il coronavairus in bocca al ministro Di Maio, ingiustamente quasi ‘lapidato’ per questa sua preferenza.

Cos'è una pandemia? Il significato della parola

Cos’è una pandemia? Il significato della parola

L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato il Coronavirus pandemia. Ma cos’è una pandemia? In cosa si differenzia rispetto alla parola epidemia?

Da segnalare anche, decisamente minoritaria, la pronuncia “còronavìrus”, che tende ad oscurare la natura del composto. E come se non bastasse circola pure la variante al femminile la coronavirus, anche in questo caso il genere femm. tende a far percepire il composto quasi fosse un termine semplice.

luis-sepulveda322

Contagiato dal Coronavirus anche lo scrittore cileno Luis Sepúlveda

Paura per lo scrittore cileno Luis Sepùlveda, ricoverato per polmonite acuta presso l’ospedale di Oviedo

Dal punto di vista normativo, le 5 varianti – il coronavirus, il coronavairus, il còrona-virus, la coronavirus e il virus (a) corona – tranne quest’ultimo (non so quanto vitale), presentano una diversa diffusione, in sedi anche istituzionali e presso parlanti non-incolti. E sono quindi normativamente tutte “corrette”. Certamente più vitale è, come accennato,  <coronavirus>. Il parlante può quindi scegliere quella che preferisce, più o meno diffusa.

Da ultimo,  nella stampa inglese (“Metro”) è apparso anche crownavirus: un gioco di parole con  “crown”  verbo  ‘incoronare’ + “a virus” ‘un virus’, in cui la regina Elisabetta si mette i guanti per consegnare le onorificenze, per “incoronare”. Ma stando alla sensibilità dei nativo-anglofoni, si tratta di un gioco “molto forzato”.

Salvatore Claudio Sgroi

© Riproduzione Riservata