Parole da conoscere

Le (nuove) parole difficili della lingua italiana

Dopo un primo elenco di parole difficili, ecco una seconda lista di vocaboli complicati e spesso utilizzati erroneamente, che in alcuni contesti può risultare utile conoscere
Le (nuove) parole difficili della lingua italiana

La lingua italiana è ricca di parole di cui spesso ignoriamo l’esistenza, o più semplicemente il significato. Per questo motivo ci viene in soccorso Fausto Raso, giornalista specializzato in problematiche linguistiche e responsabile della rubrica “Perché si dice“. Dopo un primo elenco di parole difficili, ecco una seconda lista di vocaboli complicati e spesso utilizzati erroneamente, che in alcuni contesti può risultare utile conoscere.

Onciale ─ fu denominata cosí una scrittura antica, con caratteri tutti maiuscoli,  per  epitaffi e manoscritti le cui lettere avevano la dimensione di un’oncia, vale a dire della dodicesima parte di un piede. Viene dal  tardo latino “uncialis”, tratto, a sua volta, dal greco “ònkos”, massa,  peso.

Oniromanzia ─  “arte” di predire, di indovinare il futuro attraverso l’interpretazione dei sogni. Voce di origine greca: “òneiron”, sogno e “manteìa”, divinazione.

Opoterapia ─ dal greco “opòs”, succo  e “therapeìa”, cura. Metodo terapico per mezzo di succhi estratti  da ghiandole di animali per combattere fenomeni  patologici  causati dall’assenza, dall’insufficienza o dall’alterazione degli organi umani corrispondenti.

Palischermo ─  piccola imbarcazione a remi di supporto a un’imbarcazione piú grande. Dal greco “periskàlmos”, da “perì”, intorno e “skàlmos”, scalmo.

Poliandria ─  dal greco “polys”, molto e “andròs”, uomo. Di donna che vive matrimonialmente con piú uomini.

Propugnacolo ─  cosí si chiama qualunque opera di difesa: bastione, riparo, fortezza. Dal latino “propugnaculu(m)”, da “pro”, in favore, per  e “pugnare”, combattere.

© Riproduzione Riservata
Commenti