Sei qui: Home » Lingua Italiana » Si dice immune da o immune a? La risposta della Crusca
dilemmi linguistici

Si dice immune da o immune a? La risposta della Crusca

Si dice immune da o immune a? Su questo dilemma linguistico sono intervenuti gli specialisti dell'Accademia della Crusca nell'apposita sezione dedicata sul sito.

“Si dice immune da o immune a? E se entrambe le soluzioni sono accettabili, che cosa sta dietro la duplice reggenza?” Su questo dilemma linguistico sono intervenuti gli specialisti dell’Accademia della Crusca nell’apposita sezione dedicata sul sito. Espressione usata di frequente negli ultimi tempi legata al dibattito Covid 19, scopriamo la formula linguistica consigliata dagli accademici.

La parola Immune

Si parte con la definizione di “immune”, aggettivo di tradizione dotta (tolta la consonante finale, tutto è rimasto come nel latino immūnem) e significa alle origini ‘esente’, ‘non obbligato’, ‘non sottoposto a un dovere’ (il munus): se si precisa da che cosa, fin dai tempi più antichi in italiano è la preposizione da a introdurre la specificazione.

Col tempo ci sono stati vari spostamenti semantici nella parola: da ‘esente da un obbligo amministrativo o civile’, spesso senza specificazione dello stesso nel senso di ‘dotato di immunità, di esenzione da obblighi’, si è arrivati a genericamente ‘libero da’ e a ‘innocente’, ‘puro’, ‘indenne’, anche qui in usi prevalentemente assoluti. Nel Settecento (il GDLI lo attesta nel Muratori) si è introdotto, probabilmente dal francese, il senso medico moderno di ‘protetto da’, ‘non attaccato’ o ‘non attaccabile da una malattia’. In questo campo si è diffuso di recente anche l’elemento compositivo immuno-, un derivato che rimanda soprattutto al “sistema immunitario”.

Si dice immune da o immune a?

Secondo gli esperti dell’Accademia della Crusca, “da” è dunque il legante storicamente più attestato e anche etimologicamente più corretto per immune (in latino l’aggettivo reggeva il genitivo oppure l’ablativo, con o senza ab). Fan notare, però, che è giusto che i propri lettori segnalino i sempre più frequenti costrutti con a. “Se si cercano su Google le frasi “immune al Covid” e “immune dal Covid” si vedrà che la prima supera di gran lunga la seconda (57.600 a 14.800); del resto, lo Zingarelli, che impone da per tutti i significati, ammette anche a per quelli sanitari”.

Gli esempi nella letteratura

Stante PTLLIN, gli accademici fanno notare che nella prosa letteraria contemporanea immune è sempre con da, meno che in Primo Levi, guarda caso grande scrittore scienziato, dove si trova solo con a. Un loro lettore ha visto bene quando sospetta, dietro il costrutto con a, la pressione di sinonimi, come refrattario (un senso con cui immune, stante il GDLI, è già usato nel Settecento) e insensibile, che vogliono a, e quella del duplice costrutto inglese: immune from e to, con to assai diffuso in ambito medico (facendo una ricerca tra testi in inglese se immune from, corrispondente a da, ammonta a quasi 2 milioni di occorrenze, immune to, corrispondente ad a, supera le 800 mila, che non è poco).

La conclusione

Infine, l’Accademia della Crusca consiglia di continuare a usare la preposizione “da”, richiesta dalla storia etimologica e secolare della parola, ma “l’uso di a nel linguaggio scientifico sanitario è un dato di fatto oggi vistoso e non è improbabile che finisca col prevalere, in questo ambito”. Per essere chiari: non si arriverà forse mai a dire e accettare “immune a difetti” invece che “immune da difetti”, ma “immune al virus” è ormai più frequente e accettato di “immune dal virus”.

 

Potrebbe interessarti anche:
5 curiosità sulla lingua italiana che non tutti conoscono
5 curiosità sulla lingua italiana che non tutti conoscono

L’italiano è riconosciuto come una delle più importanti al mondo. Ecco 5 aneddoti legati alla lingua italiana che forse non tutti conoscono.

E’ più giusto scrivere Kiev o Kyjiv/Kyïv? La risposta della Crusca
E' più giusto scrivere Kiev o Kyjiv/Kyïv? La risposta della Crusca

In questi giorni abbiamo notato il nome della capitale ucraina scritta in modi diversi: Kiev, ma anche Kyjiv e addirittura Kyev. Scopriamo quale sia la forma più corretta e perché secondo la Crusca.

Cavallo di Frisia, origine e significato di uno dei simboli della guerra
Cavallo di Frisia, origine e significato di uno dei simboli della guerra

Forse non tutti conoscono l'origine del Cavallo di Frisia, uno degli strumenti con cui le città ucraine cercano di difendersi dall'invasione dei soldati russi. Scopriamo l'origine del termine.

Perché si dice “martedì grasso”? Origine e tradizioni del Carnevale
Perché si dice "martedì grasso"? Origine e tradizione del Carnevale

Oggi ricorre il cosiddetto martedì grasso. Da dove proviene il nome del giorno principale legato alle celebrazioni del Carnevale? Scopriamo origine e significato di questa ricorrenza

22/02/2022: oggi è un giorno palindromo, cosa significa?
22/02/2022: oggi è un giorno palindromo, cosa significa?

La data di oggi, come il nome "Anna", si può leggere allo stesso modo partendo dalla fine. Ecco l'origine della parola "palindromo"

Giornata della lingua madre, perché dobbiamo essere orgogliosi della lingua italiana
giornata-lingua-madre-2020

Abbiamo intervistato il Presidente dell'Accademia della Crusca Claudio Marazzini per farci raccontare l'importanza che la lingua italiana ha avuto e ancora ha per la nostra Nazione

© Riproduzione Riservata