Come si utilizzano gli articoli per i nomi di parentela?

A rispondere al curioso dilemma, che spesso gli stessi dizionari italiani faticano a chiarire, ci prova Fausto Raso, giornalista specializzato in problematiche linguistiche
Come si utilizzano gli articoli per i nomi di parentela?

MILANO – Molto spesso siamo incerti sull’uso dell’articolo con i nomi di parentela, chiamati “singenionimi“, dal greco “syngenes” (‘parente’) e “-onimo” (nome). Vediamo, nel nostro piccolo, di fare un po’ di chiarezza.

Con padre, madre, figlio, figlia l’articolo si omette; va sempre espresso, invece, con le varianti affettive, vale a dire con babbo, papà, figliolo, figliola. Vediamo, in proposito, un bellissimo esempio del Verga: «Ringraziava Dio e i santi che avevano messo il suo figliuolo in mezzo a tutte quelle galanterie».

Nell’uso familiare sono ben radicati i tipi mia mamma e mio papà – anche fuori della Toscana, dove questi linguismi la fanno da padroni – ma che noi sconsigliamo recisamente perché cozzano, per l’appunto, con il buon uso della lingua di Dante.

Con altri singenionimi (sorella, fratello, nipote, ecc.) l’uso toscano predilige l’articolo ma non per questo sono da considerare fuori legge le forme senza, ben rappresentate, del resto, anche in ottimi scrittori della terra del Divino. Personalmente preferiamo le forme non toscaneggianti (quelle senza articolo): tuo cugino, quindi, a nostro modestissimo avviso, è meglio che non il tuo cugino. Non siete d’accordo anche voi?

E in questo caso – una tantum – ci facciamo forti della legge dell’orecchio. Insomma, amici, la grammatica, a questo proposito, ci lascia agire secondo coscienza linguistica, vale a dire ci lascia liberi di adoperare o no l’articolo senza incorrere – nell’un caso o nell’altro – in madornali strafalcioni.

Ci obbliga, invece, all’uso dell’articolo davanti ai singenionimi – sempre che lo scrivente o il parlante – voglia rispettare le leggi linguistiche – nei seguenti casi:

a) con gli alterati (la mia sorellina);
b) con alcuni singenionimi particolari, tipo figliastro, patrigno e matrigna (il vostro patrigno non meritava una simile umiliazione);
c) con i sostantivi che potremmo definire parasingenionimi, ossia con i nomi che esprimono un rapporto sentimentale che non rientra, o non rientra ancora, nei vincoli di parentela: fidanzato, amante, moroso, bella, bello, ragazzo e simili (la mia bella, il mio ragazzo, la mia morosa, la sua fidanzata);
d) quando, in costrutti con valore enfatico, l’aggettivo possessivo è posposto al singenionimo (il nonno tuo, la suocera sua, il nipote vostro).

Possiamo scegliere di omettere l’articolo, invece – la grammatica ci dà ampia facoltà – quando un singenionimo è accompagnato dal nome o dal cognome: mio cognato Arturo, sua nonna Evelina, vostra nuora Palmira. Non sono errate, come dicevamo, le forme con l’articolo; nell’uso, però, è più frequente l’omissione e noi propendiamo per quest’ultima.
C’è da dire, per concludere, che senza l’aggettivo possessivo l’uso formale richiede sempre l’articolo con i nomi di parentela, anche se babbo, mamma e papà – comunemente – si adoperano senza articolo. In quest’ultimo caso, però, la soppressione dell’articolo è in regola con le leggi della grammatica solo quando il singenionimo si riferisce ai genitori dell’interlocutore o del parlante.

Non si potrebbe dire, infatti – ed è evidente la stonatura – mamma di Maria non è partita. La sola forma corretta – va da sé – è la mamma di Maria non è partita. E noi speriamo che non parta – lancia in resta – qualche pseudolinguista pronto a contraddirci… Se così fosse, però, la cosa ci lascerebbe nella più squallida indifferenza.

Fausto Raso

© Riproduzione Riservata