Sei qui: Home » Lingua Italiana » 10 parole d’amore che non esistono in lingua italiana
Parole da tutto il mondo

10 parole d’amore che non esistono in lingua italiana

Oggi vi proponiamo dieci parole d'amore che in italiano non esistono, parole che identificano una sensazione, un gesto o uno stato d'animo

Dire ti amo e manifestare amore a parole non è sempre facile. La varietà delle emozioni che proviamo ogni giorno è infinita e per quanto sia vasto il nostro vocabolario non è sempre facile trovare le parole per spiegare il fermento che proviamo dentro di noi.

7 affascinanti parole giapponesi che in italiano non esistono

9 affascinanti parole giapponesi che in italiano non esistono

Una lingua è un modo di intendere il mondo, un modo di guardarlo. Avere la capacità di chiamare con una sola parola un momento

10 parole d’amore che non esistono in lingua italiana

Benché tantissime siano le parole italiane che ci invidiano gli stranieri, oggi vi proponiamo dieci parole d’amore che in italiano non esistono, parole provenienti da tutto il mondo, parole che identificano una sensazione, un gesto o uno stato d’animo che conosciamo tutti ma che non riusciamo a definire.

 

Kilig (Tagalog, una lingua delle Filippine)

La vertigine che si prova quando si incontra la persona per cui si ha una cotta.

 

Retrouvailles (Francese)

La gioia che si prova quando si incontra una persona amata dopo una lunga separazione.

 

Cwtch (Gallese)

L’abbraccio in cui ci sentiamo protetti, il posto sicuro che ci dà la persona che ci ama, un posto che conferisce una sicurezza che solo quelle braccia sanno dare.

 

Le dichiarazioni d'amore più belle della letteratura

Le dichiarazioni d’amore più belle della letteratura

Chi può dimenticare la dichiarazione di Mr. Darcy a Elizabeth in Orgoglio e pregiudizio? Ecco le 10 dichiarazioni d’amore più romantiche della letteratura

 

Flechazo (Spagnolo)

Il colpo di fulmine, l’amore a prima vista.

 

Cafuné (Portoghese)

Il gesto di passare le dita tra i capelli della persona amata.

 

Cheiro no cangote (Portoghese)

Il gesto di strofinare la punta del naso sul collo della persona amata.

 

Geborgenheit (Tedesco)

La sensazione di sicurezza che si prova stando insieme alle persone a cui si vuole bene.

 

Merak (Serbo)

La sensazione di unità e armonia con l’universo che deriva dai piaceri più semplici.

 

Iktsuarpok (Inuit)

La sensazione di attesa prima di incontrare qualcuno.

 

Koi no yokan (Giapponese)

Incontrare qualcuno e sapere di essere destinati ad innamorarsi a vicenda.

 

 

© Riproduzione Riservata