Viaggi e libri

Viaggio letterario, la Praga di Franz Kafka

Praga è una città piena di fascino e di mistero. È qua che è nato Franz Kafka, l'autore che ha impresso una traccia indelebile nella letteratura
Viaggio letterario, la Praga di Kafka

MILANO – Praga è una città ricca di storia, cultura, letteratura: passeggiare la tra le sue strade e gironzolare tra le sue piazze è come viaggiare nel tempo. In ogni angolo si possono scoprire bellezze ricoperte da un velo di fascino, ma anche di mistero.
Questo fascino è attribuito anche dal fatto che fino ai primi decenni del Novecento vi convivessero tre culture differenti, ossia la ceca, la tedesca e quella ebraica: è a causa di questo incrocio di culture che divenne un importante centro letterario.
Quanti romanzi sono ambientati in questa meravigliosa città? Moltissimi, tra cui quelli di Franz Kafka, il quale ha vissuto nella città per la maggior parte della sua vita. Vi conduciamo dunque lì per seguire le orme dello scrittore che ha impresso un’impronta indelebile nella storia della letteratura europea, approfondendo nei suoi complessi romanzi la solitudine, il senso di diversità e l’impotenza del singolo di fronte al mondo intero.
Kafka era talmente assorbito da Praga, che era come se avesse fatto una metamorfosi e fosse diventato lui stesso Praga. Come scrisse Johannes Urzdil:

Praga era Kafka e Kafka era Praga

Vicolo d’oro

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Vicolo d’oro e casa Kafka n°22 #goldenlane #vicolodoro #zlataulicka #case #casakafka #kafka #franzkafka #colours #colori #prague #praga #repubblicaceca #czechrepublic🇨🇿 #czechrepublic #panorama #sky #travelphotography #travelpics #travel #natale #castellopraga #castle #tourist #arte #art #architecture #unlimitedprague

Un post condiviso da Victoria Disciglio (@victoria_disci_) in data:

 Il Vicolo d’oro è la strada in cui Franz Kafka visse negli ultimi mesi del 1916 assieme alla sorella Ottla. A Kafka piaceva particolarmente perché era molto tranquillo e favoriva la scrittura. Infatti qui lo scrittore scrisse “Il cacciatore Gracco“, “Un medico condotto”, “In galleria” e molte altre opere.
Secondo la leggenda in questa via, ai tempi di Rodolfo II, imperatore del Sacro Romano Impero dal 1576 al 1612, vi abitavano gli alchimisti che, con i loro esperimenti e segreti magici, cercavano di trasformare i metalli in oro e di trovare l’elisir di lunga vita.
l’indirizzo preciso della casa di Kafka è: Zlatá Ulička 22

Casa Natale di Kafka

In piazza Franz Kafka, all’angolo con via Maiselova, si trova la casa natale dello scrittore: una placca di bronzo commemora il luogo. Ciò che si può ammirare dell’edificio originale è il portale, mentre al suo interno si può visitare una piccola mostra dedicata a Kafka.

Palazzo Kinsky

In stile rococò, Palazzo Kinsky ospitava il Ginnasio Statale di lingua tedesca che Kafka frequentò dal 1893 al 1901. Oggigiorno l’edificio splendido ospita la Galleria Nazionale di Praga. Si tratta di uno dei migliori capolavori dello stile rococò: perderselo sarebbe proprio un peccato.
Nell’ala destra del palazzo Hermann Kafka, il padre dello scrittore, aprì il suo negozio.

Caffè Arco

Uno dei luoghi che gli intellettuali di Praga frequentavano maggiormente era il Caffè Arco. Aperto nel 1907, vi si riunivano Franz Werfel, Max Brod e altri fondatori del Circolo di Praga, tra cui Oskar Baum e Felix Weltsch, e lo stesso Franz Kafka.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti