I librai si raccontano

Tre consigli di lettura dalla libreria Colibrì di Milano

Colibrì è un bar ed è una libreria, è un posto caleidoscopico che si sveglia presto per colazione e va a letto tardi la sera
colibri-libreria

Colibrì è un bar ed è una libreria, è un posto caleidoscopico che si sveglia presto per colazione e va a letto tardi la sera. Ospita mostre, concerti di musica dal vivo, presentazioni di libri ed eventi legati alla cultura in ogni sua forma e accezione. Nato nel 2015, si trova a due passi dal Duomo, e ha sempre fatto della leggerezza e dell’accessibilità la propria cifra stilistica.

La Libreria

In libreria ci sono Arianna, Maria, Giorgia e Matteo, che scelgono  uno per uno i libri proposti: dalle nuove uscite  degli editori indipendenti ai grandi classici che non possono mancare, ai romanzi meno conosciuti degli autori imprescindibili, alla saggistica. I libri che hanno amato di più sono segnalati con un biglietto intorno alla  copertina, una piccola recensione che orienti i lettori nella scelta.

Un anno fa, insieme a Michela Procaccianti, è stato creato il Bestiario letterario, il gruppo di lettura reale e virtuale (il gruppo su Fb conta a oggi più di 1600 iscritti). Online si discute liberamente di libri e di tutto ciò che ha a che fare coi libri, mentre il gruppo si riunisce una volta al mese per parlare di un romanzo che è stato scelto insieme e che affronta un’emozione o un elemento dell’esperienza umana da una certa angolazione.

Tutti i giorni, dalle 18.30 alle 21.00, sul primo libro acquistato c’è un calice di vino o una birra in omaggio. Colibrì è per chi ama i cortili nascosti, le teiere di porcellana con i fiori e si diverte a lanciarsi sui divani. È per chi ha bisogno del silenzio per leggere ma poi sa anche fare festa con un Gin Tonic. È, soprattutto, per chi pensa che esista un modo spontaneo e divertente per fare cultura, e per chi non si lamenta mai delle troppe cose da fare.

I consigli di lettura

Giorgio Fontana, “Prima di noi” (Sellerio editore)

Per chi è alla ricerca di un epopea del quotidiano, profondamente italiana, insieme intima e corale, in cui il connubio tra pubblico e privato trova il giusto respiro. E l’interlocutore privilegiato sembra essere proprio la nostra generazione. Leggilo se ti piace: “I Buddenbrook”.

 

Amy Hempel, “Nessuno è come qualcun altro” (Sem Libri)

E’ la raccolta perfetta per chi ha fatto del “meno è meglio” il proprio credo. Poche parole con un peso specifico sempre calibrato ma da decifrare. In questi racconti niente è superfluo e l’autrice riesce a indagare la realtà attraverso dei flash, abbaglianti e dolorosi. Leggilo se ti piace: Carver.

R.O. Kwon, “Gli incendiari” (Einaudi editore)

Se volete immergervi nell’intreccio spasmodico di amore, fede e violenza questo ardente debutto letterario è ciò che fa per voi: esplora la ferocia religiosa della devozione e insieme del primo amore. Leggilo se ti piacciono: i Bildungsroman (romanzi di formazione) contemporanei.

 

I prossimi eventi

Martedì 18/2, ore 19.00

Carolina Capria presenta “Nel mondo di Piccole donne” (DeAgostini)

A distanza di centocinquant’anni, “Piccole donne” ha ancora qualcosa da raccontare alle ragazze e ai ragazzi che stanno crescendo? È ancora possibile guardare il mondo che ci circonda e comprenderlo attraverso gli occhi delle quattro sorelle March?
In questo incontro cercheremo di tracciare una mappa dell’adolescenza attraverso le parole che quattro lettori d’eccezione, Maura Gancitano, Laura Pezzino, Marina Pierri e Simone Tempia, sceglieranno per raccontare il classico di Louisa May Alcott, e che si aggiungeranno a quelle che Carolina Capria ha deciso di inserire nel suo saggio per ragazzi “Nel mondo di Piccole Donne”

 

Mercoledì 19/2, ore 19.00

Bestiario letterario a tema “Innamoramento”: Le nostre anime di notte di Kent Haruf (NN Editore)


Il tema del mese è l’INNAMORAMENTO, ovvero quel sentimento per cui, infrangendo una barriera dopo l’altra (a volte lentamente, a volte in un soffio) ci troviamo a pensare sempre e solo al nostro oggetto d’amore, lo stomaco si chiude e la vita ci pare degna di essere vissuta solo se si è in due. Il libro del mese, il più votato sul nostro gruppo, è “Le nostre anime di notte” di Kent Haruf pubblicato da NN Editore
; non è obbligatorio acquistare il libro da Colibrì, ma sicuramente se lo farete la vita vi sorriderà, le libraie anche e quel dolce farfallio dell’innamoramento (ricambiato, chiaramente) non vi mollerà mai un secondo nella vita. Se ne parlerà davanti a un aperitivo, nessuno salirà in cattedra e ciascuno avrà modo di dire la propria. D’altro canto la timidezza è una cosa bellissima, si potrà partecipare anche semplicemente ascoltando cos’hanno da dire gli altri.

 

Giovedì 20/2, ore 19.30

Colibrì Live – Jazz Rain

I Jazz Rain presentano “Chuva do Brazil“, un progetto dai ritmi latini che tocca la tradizione musicale carioca da Jobim a Djavan, passando per Vinicius de Moraes, Toquino, Rosa Passsos e Pixinguinha ed altri grandi maestri della musica brasiliana. Ingresso libero

 

© Riproduzione Riservata
Commenti