Sei qui: Home » Libri » “The Open Book”, la libreria dove si possono passare le vacanze
Vacanze letterarie

“The Open Book”, la libreria dove si possono passare le vacanze

ll servizio Airbnb offre “la prima vacanza in libreria al mondo”: succede a Wigtown, in Scozia. Scopriamo insieme di cosa si tratta

MILANO – L’estate si avvicina e per molti è già incominciata la ricerca del luogo in cui passare le vacanze estive. E se vi dicessimo che potreste unire il relax a una vacanza dedicata ai libri e alla letteratura? Questo sogno diventa realtà in una piccola città della Scozia, Wigtown, dove tramite la piattaforma Airbnb è possibile affittare l’appartamento sopra la libreria “The Open Book” e lavorarci per tutto il tempo della permanenza.

.

UNA VACANZA ORIGINALE – Tutti i lettori più appassionati hanno sognato, almeno una volta, di lavorare in una libreria. A Wigtown, un paesino nel sud-ovest della Scozia, hanno avuto un’idea creativa ed originale. Tramite la piattaforma Airbnb è possibile affittare l’appartamento sopra la libreria The Open Book  lavorarci per tutto il tempo della permanenza. È stata definita “la prima esperienza di vacanza in libreria”. L’appartamento, che è possibile affittare per £ 28 a notte (circa 36 €), può ospitare due persone. Gli ospiti si possono fermare per una o due settimane e lavorare gratuitamente nella libreria per 40 ore settimanali, organizzando anche eventi e letture di gruppo. Gli ospiti sono aiutati da volontari, che li aiutano nella gestione dell’attività, e sono invitati a descrivere giorno per giorno la loro esperienza attraverso un blog.

.

LA LIBRERIA – L’alloggio e la libreria sono gestiti da un’associazione locale senza scopo di lucro, il cui obiettivo è promuovere esperienze di turismo culturale nell’area. Una finalità che sembra molto apprezzata dai visitatori, la maggior parte delle recensioni su Airbnb parla infatti di un’esperienza entusiasmante e da ripetere. E, se l’idea vi interessa, potete dare un’occhiata anche al blog di The Open Book, dove gli ospiti si succedono nel raccontare la loro avventura da librai, descrivendo anche le iniziative e gli eventi che hanno organizzato. Il soggiorno prevede però l’impegno a gestire il negozio, svolgendo tutte le attività del libraio, con libertà di turni, ma con un numero fisso di ore settimanali.

Libreria The Open Book

.

WIGTOWN, LA CITTA’ DEI LIBRI – Wigtown, dopo questa iniziativa, riconferma il soprannome di “città dei libri”, un titolo che si è meritata perché, pur avendo addirittura meno di 1000 abitanti, ospita dieci librerie indipendenti. Dal 1999 la città ospita il Wigtown Book Festival, che dura dieci giorni e propone più di duecento eventi legati al mondo dei libri. Sono proprio gli organizzatori del Festival ad aver avuto l’idea di affittare l’appartamento e la libreria The Open Bookper evitare che questa chiudesse definitivamente. Una bella iniziativa che potrebbe essere replicata in tutte quelle librerie che ogni anno rischiano di chiudere.

.

© Riproduzione Riservata