Leggere a lavoro

Tempo da dedicare alla lettura durante le ore di lavoro. La proposta di legge dagli Emirati Arabi

L'idea è del presidente degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Khalifa bin Zayed al-Nahyan. Si tratta di una novità, della prima volta in cui viene riconosciuto il "diritto nazionale alla lettura"
“Tempo da dedicare alla lettura durante le ore di lavoro”. La proposta di legge dagli Emirati Arabi

MILANO –  Concedere del tempo da dedicare alla lettura durante le ore di lavoro. L’idea originale proviene  dagli Emirati Arabi ed è rivolta al momento soltanto ai dipendenti dello staff governativo, al fine di “rendere la lettura un’abitudine quotidiana”. Idea originale, perché non importarla anche in Italia ed in tutti gli ambiti lavorativi?

DIRITTO NAZIONALE ALLA LETTURA – A riportare la notizia è il The Guardian . Si tratta di una novità, della prima volta in cui viene riconosciuto il “diritto nazionale alla lettura”. La decisione del presidente degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Khalifa bin Zayed al-Nahyan, permetterà al personale governativo di concentrarsi sulla lettura durante le ore di lavoro al fine di “sviluppare competenze professionali e personali all’interno del posto di lavoro”.

ALTRE INIZIATIVE – La legge voluta dallo sceicco arabo prevede anche che i negozi di caffè offrano libri da leggere alla loro clientela, la presenza di biblioteche all’interno dei centri commerciali e l’abolizione della tasse sui libri. Ad ogni bambino appena nato, inoltre, riceverà una “borsa di lettura” contenente libri scritti in arabo per i cittadini degli Emirati Arabi Uniti e in lingua inglese per gli immigrati non arabi.

CAMBIAMENTO CULTURALE – “La legge è pensata per incoraggiare il settore privato a investire nella creazione di biblioteche e centri culturali. Ciò sarà fatto fornendo al settore privato servizi, incentivi e sconti  – ha detto lo sceicco Mohammed bin Rashid al-Maktoum, vice presidente degli Emirati Arabi e governatore del Dubai – Il nostro obiettivo è cominciare un cambiamento culturale sostenibile fra le generazioni. Un cambiamento che consolida l’importanza della lettura, celebra la conoscenza e aumenta il numero dei lettori.” “Non c’è futuro senza libri” conclude lo sceicco Mohammed.

© Riproduzione Riservata
Commenti