San Valentino

San Valentino, 5 libri che celebrano l’amore LGBTQ

Da Virginia Woolf a André Aciman, sono diversi gli scrittori che hanno scelto la letteratura come luogo d'elezione per esprimere un ideale d'amore universale, superando le barriere legate al genere
5-libri-amore-no-gender

Da Virginia Woolf ad André Aciman, sono diversi gli scrittori e le scrittrici che hanno scelto la letteratura come luogo d’elezione per esprimere un ideale amoroso che supera le barriere legate al genere per farsi universale. Le più grandi rivoluzioni partono dai libri e noi, stanchi dei modelli etero-normativi che la società impone, vi suggeriamo la lettura di cinque libri in grado di disinnescare i pregiudizi e spalancarvi le molteplici sfaccettature dell’amore.

Middlesex” di Eugenides

 

A raccontarci una ben strana vicenda, con una voce avvolgente che si impone fin dalle prime righe, è Calliope Stephanides, una rara specie di ermafrodito che ha vissuto i primi anni della sua vita come bambina, per poi scoprire la sua doppia natura. Responsabile della sua “eccentricità biologica” è un gene misterioso che attraversa come una colpa tre generazioni della sua famiglia e che ora si manifesta nel suo corpo. Inizia così l’odissea di Callie, un viaggio che ci proietta nei sogni e nei segreti della famiglia Stephanides, tra furbi imprenditori e ciarlatani, sagge donne di casa e improbabili leader religiosi, in un alternarsi di nascite, matrimoni, scandali e segreti che dalla Turchia degli anni in cui crolla l’Impero Ottomano si trasferisce nell’America del Proibizionismo e della guerra, dei conflitti razziali e della controcultura, del Vietnam e del Watergate. L’odissea di un’adolescenza in cui si mescolano e si oppongono il senso di un destino, di un’eredità familiare, e la volontà di essere artefice di se stessi, per dare voce ai propri desideri, alla propria sessualità e ai propri sentimenti.

Orlando” di Virginia Woolf

 

Orlando è stato scritto nel 1928 e dedicato alla poetessa (e grande giardiniera) Vita Sackville-West, di cui per un certo periodo Virginia Woolf fu amante, tanto da far dire al figlio di Vita Sackville-West che questo romanzo è «la più lunga lettera d’amore della storia». Al centro della narrazione le mirabolanti avventure di Orlando, giovane e melanconico cortigiano dell’epoca di Elisabetta I, il quale nel corso di quasi quattro secoli non solo si troverà a vivere diverse vite, in varie e suggestive epoche storiche, ma anche a cambiare sesso, diventando così una donna, dopo un sonno di sette giorni consecutivi, in quel di Istanbul. Aggregata a una carovana di zingari, avrà modo poi di tornare a Londra, rivivendo così dapprima le atmosfere di inizio Settecento, dei tempi della regina Anna, e in seguito del Romanticismo, fino ai primordi degli anni venti del Novecento, sempre all’inseguimento del vero amore e del senso profondo della poesia.

Coronavirus
musei

Scuole, cinema e musei chiusi per il Coronavirus: si attende ordinanza restrittiva

Emergenza Coronavirus
Coronavirus, scuole chiuse a Milano per una settimana

Coronavirus, scuole chiuse a Milano per una settimana

La citazione del giorno
citazione-john-keats

“Le parole più belle son spesso quelle non dette, quelle che naufragano nei silenzi” di John Keats

Libri da leggere
brama-ilaria-palomba

“Brama” di Ilaria Palomba, un libro per capire la dipendenza affettiva

Emergenza Coronavirus
Coronavirus, cosa succede per scuole ed eventi culturali

Coronavirus, cosa succede per scuole ed eventi culturali

Profezia o coincidenza?
Coronavirus, la strana profezia contenuta in un libro uscito nel 1981

Coronavirus, la strana profezia contenuta in un libro uscito nel 1981

I film da non perdere
hachiko

Il film “Hachiko” è la rappresentazione perfetta dell’amicizia

Musei da visitare
musei-vicini-alle-stazioni

I 10 migliori musei europei vicino alle stazioni dei treni

Le donne
"Pubblicità con donne seminude sono una forma di stupro", la denuncia di Giorgio Armani

“Pubblicità con donne seminude sono una forma di stupro”, la denuncia di Giorgio Armani

mostre da non perdere
"Come in uno specchio", la mostra di fotografia per celebrare i 90 anni di Berengo Gardin

“Come in uno specchio”, la mostra di fotografia per celebrare i 90 anni di Berengo Gardin

La citazione del giorno
citazioni-antonio-machado

“Viaggiatore, non c’è sentiero, il sentiero si fa mentre cammini” di Antonio Machado

La tua canzone
"Your Song" di Elton John, la dichiarazione d'amore più bella in musica e parole

“Your Song” di Elton John, la dichiarazione d’amore più bella in musica e parole

I viaggi del lettore
lisbona

Dal fado alle paste dolci di Belém, un viaggio alla scoperta di Lisbona

I viaggi del lettore
airbnb-irlanda

Sei case con librerie da sogno in cui trascorrere le vostre vacanze

Le mostre da non perdere
mostra-kafka

Apre a Milano la prima mostra interattiva su Franz Kafka

Solidarietà alla Cina
china-our-hearts-beat-for-you

“Cina, i nostri cuori battono per te”, la campagna per sconfiggere la paura del Coronavirus

Street Art
murales-merini

Spunta un murale dedicato ad Alda Merini sui Navigli a Milano

Lettera a Max Conteddu
"Hai lasciato un vuoto terribile e un pieno d'affetto", la lettera a Max Conteddu

“Hai lasciato un vuoto terribile e un pieno d’affetto”, la lettera a Max Conteddu

Giornata della lingua madre
giornata-lingua-madre-2020

Giornata della lingua madre, perché dobbiamo essere orgogliosi della lingua italiana

La citazione del giorno
citazione-w-h-auden

“Se non può esserci egual sentimento, che io sia colui che ama di più” di Wystan Hugh Auden

Chiamami col tuo nome” di André Aciman

 

Vent’anni fa, un’estate in Riviera, una di quelle estati che segnano la vita per sempre. Elio ha diciassette anni, e per lui sono appena iniziate le vacanze nella splendida villa di famiglia nel Ponente ligure. Figlio di un professore universitario, musicista sensibile, decisamente colto per la sua età, il ragazzo aspetta come ogni anno “l’ospite dell’estate, l’ennesima scocciatura”: uno studente in arrivo da New York per lavorare alla sua tesi di post dottorato. Ma Oliver, il giovane americano, conquista tutti con la sua bellezza e i modi disinvolti. Anche Elio ne è irretito. I due condividono, oltre alle origini ebraiche, molte passioni: discutono di film, libri, fanno passeggiate e corse in bici. E tra loro nasce un desiderio inesorabile quanto inatteso, vissuto fino in fondo, dalla sofferenza all’estasi. “Chiamami col tuo nome” è la storia di un paradiso scoperto e già perduto, una meditazione proustiana sul tempo e sul desiderio, una domanda che resta aperta finché Elio e Oliver si ritroveranno un giorno a confessare a se stessi che “questa cosa che quasi non fu mai ancora ci tenta”.

Il blu è un colore caldo” di Julie Maroh

Il primo sguardo tra due persone destinate a innamorarsi può essere un evento sconvolgente: una scossa destinata a far tremare le fondamenta di una vita banale, un’esplosione di colore che ravviva un mondo altrimenti grigio. È quello che accade a Clémentine 15 anni, in un pomeriggio qualsiasi, quando una macchia di colore si fa strada verso di lei tra la folla: una testa dai capelli tinti di blu, un paio d’occhi dello stesso colore che per i mesi a venire invaderanno, notte dopo notte, ogni suo sogno. Eppure, la storia di Clementine non è solo una storia d’amore. È una storia di vergogna, di negazione, di rabbia, di insicurezza: perché il nome della sua ossessione è Emma, e in un mondo intriso di pregiudizi vivere la propria omosessualità alla luce del sole può provocare fratture emotive insanabili, e deviare per sempre il corso di un’esistenza.

Fair play” di Tove Jansson

 

Mari e Jonna, due artiste, due atelier ai capi opposti di un grande edificio sul porto di Helsinki, e una casetta condivisa su una piccola isola solitaria davanti al mare aperto. Le loro personalità si scontrano e si confrontano attraverso dialoghi sagaci e silenzi che non hanno bisogno di parole, unite da un’urgenza creativa che riesce ogni volta a gettare una luce nuova sulle cose e sulla natura umana, a trasformare la quotidianità in una riserva di piccole epiche fuori dall’ordinario e di inattese rivelazioni. Definito da Ali Smith «una vera opera d’arte», Fair play è una partita a due, un gioco sottile tra due donne fieramente indipendenti che con ironia e nel rispetto inviolabile dei reciproci spazi mantengono sempre vivo uno scambio autentico, pungente, eppure pieno di tenerezza. Con la sua finezza di lingua e di sguardo, capace di cogliere il significato racchiuso nel gesto più semplice, Tove Jansson traduce in un gioiello letterario il rapporto con la donna con cui ha condiviso quarant’anni di lavoro e di vita, in un equilibrio lieve e rivoluzionario, all’insegna di quella libertà che accompagna una riuscita storia d’amore.

© Riproduzione Riservata