”La verità sul caso Harry Quebert”, thriller appassionante dai toni avvincenti

Ne ''La verità sul caso Harry Quebert'' la storia si svolge ad Aurora. E' l'agosto del 1975 quando una anziana donna viene uccisa e una ragazzina di quindici anni scompare...

Pubblichiamo la recensione di Stefania Fiore per la semplicità e precisione con la quale viene descritto il testo di Joël Dicker

Ne ‘La verità sul caso Harry Quebert’ la storia si svolge ad Aurora, una tranquilla cittadina d’America. E’ l’agosto del 1975 quando una anziana donna, Deborah Cooper, viene uccisa e una ragazzina di quindici anni, Nola Kellergan, scompare. Dopo numerose ricerche il caso rimane irrisolto. Giugno 2008: viene ritrovato il cadavere di Nola nel giardino del famoso scrittore Harry Quebert, che viene immediatamente arrestato.

La notizia arriva all’amico, anch’egli scrittore, Marcus Goldman che da New York, dove vive, si trasferisce a casa di Harry per indagare sull’omicidio della ragazza e per far emergere la verità. Durante le sue indagini Marcus scopre che Harry, all’epoca trentenne, e Nola, hanno avuto una relazione. Questa verità crea sgomento e incredulità nella cittadina ed infanga il nome ed il successo di Harry, che su quell’amore impossibile aveva creato il suo romanzo di maggior successo.

Aiutato dal sergente Gahalowood, Marcus scopre che anche gli altri abitanti di Aurora fanno parte della rete che si intreccia intorno alla vita di Nola, complicando ulteriormente la storia. Decide così di indagare sulla vita di ciascuno.

Ritengo che questo libro abbia il grande pregio di riuscire a tenere sempre viva l’attenzione del lettore. Lo stile della scrittura permette di calarsi appieno nella storia, di coinvolgere e invogliare a leggerlo sempre più in fretta. Una particolarità molto interessante è che ciascun capitolo, ben 31, inizia con un consiglio che suggerisce come scrivere un buon libro.


29 settembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti