Primo Levi, le frasi e gli aforismi celebri

Primo Levi è il preziosissimo testimone della Shoah che con i suoi libri "Se questo è un uomo" e "La tregua" ha contribuito alla coscienza di tale atrocità
Primo Levi, le frasi e gli aforismi celebri

MILANO – Primo Levi è stato uno scrittore e testimone della Shoah, autore di racconti e memorie. Partigiano antifascista, nel 1943 venne catturato dai nazisti e deportato nel campo di concentramento di Auschwitz in quanto ebreo. Scampato al lager, tornò avventurosamente in Italia, dove si dedicò con forte impegno al compito di raccontare le atrocità viste e subite. “Se questo è un uomo” è una delle più importanti testimonianze degli orrori dei campi di concentramento.

Clicca qui per leggere e condividere gli aforismi dello scrittore ! 

.

  • “Distruggere l’uomo è difficile, quasi quanto crearlo: non è stato agevole, non è stato breve, ma ci siete riusciti, tedeschi”

.

  • “Quando c’è la guerra, a due cose bisogna pensare prima di tutto: in primo luogo alle scarpe, in secondo alla roba da mangiare”

.

  • “Guai a sognare: il momento di coscienza che accompagna il risveglio è la sofferenza più acuta”

.

  • “Meglio astenersi dal governare il destino degli altri, dal momento che è già difficile ed incerto pilotare il proprio.”

.

  • “Pochi sono gli uomini che sanno andare a morte con dignità, e spesso non quelli che ti aspetteresti”

.

  • “Tutti coloro che dimenticano il loro passato, sono condannati a riviverlo”

.

  • “Auschwitz è fuori di noi, ma è intorno a noi, è nell’aria”

.

  • “Perché la memoria del male non riesce a cambiare l’umanità? A che serve la memoria?”

.

 

© Riproduzione Riservata