Sei qui: Home » Libri » “Parla, mia paura”, l’incomunicabilità della depressione nel libro di Simona Vinci
libri da leggere

“Parla, mia paura”, l’incomunicabilità della depressione nel libro di Simona Vinci

Nel libro "Parla, mia paura" Simona Vinci affronta la storia della propria depressione, offrendo a sé stessa e ai propri lettori parole in grado di raccontare la gabbia nella quale era rinchiusa

In Parla, mia paura (2017), Simona Vinci affronta la storia della propria depressione, offrendo a sé stessa e ai propri lettori parole in grado di raccontare la gabbia nella quale era rinchiusa, forse unico modo per cominciare a familiarizzare con essa e trovare una via d’uscita.

Un recente rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) rileva che la pandemia da Sars Covid-19 ha incrementato del 25% i disturbi depressivi e dello spettro ansioso, pur sottolineando che già nel 2019, prima della pandemia globale, una persona su otto conviveva con un disturbo mentale. Appare, inoltre, evidente come lo stigma e le discriminazioni rivolte alle persone con problemi di salute mentale continuino ad essere forti barriere all’inclusione e all’accesso alle cure adeguate, contribuendo al mantenersi di forti iniquità in tema di salute e benessere.

La parola agli autori: Simona Vinci

Ecco alcuni stralci dell’intimo racconto autobiografico di Simona Vinci, nei quali l’autrice getta una luce sull’incomunicabilità del malessere mentale:

“Non è facile da descrivere e soprattutto da spiegare ad altri, una sindrome depressiva che si manifesta con attacchi d’ansia. Per questo, spesso ci si ritrae gradualmente dai rapporti con parenti, amici e vicini: lo stato in cui versi non è comunicabile, chi non ha mai sofferto di depressione difficilmente comprende, se non in maniera superficiale, cosa tu stia provando […]

Quando provi a raccontarlo a qualcuno ti senti ridicolo. E viste le reazioni incredule o distratte che ti trovi davanti, cominci a vergognarti e preferisci tacere, allontanarti, sparire.”

Vinci si sofferma sul concetto di paura, come emozione primaria e utilissimo meccanismo di difesa, che a volte può cristallizzarsi dentro al punto da paralizzare e rendere immobili e granitici, incapaci di scegliere, rischiare, provarci.

A tal proposito, sottolinea come raggiungere un sano equilibrio tra paura e coraggio sia uno dei lavori di accordatura costante che ciascuno di noi esercita ogni singolo giorno.

Parla, mia paura

Cosa può fare la differenza, in momenti così dolorosi e intimi?

“Ecco il trucco, la magia: non chiudere, apri. Non nasconderti, mostrati. Non tacere, esprimiti. Se hai paura, chiedi aiuto.”

Simona Vinci propone una strada per evitare il concreto rischio di piombare nella stigmatizzazione e discriminazione dell’altro, che si rivolge a noi chiedendoci aiuto.

La via potrebbe essere adottare uno sguardo benevolo e una pazienza estrema, mostrare una vicinanza priva di giudizio e provare un silenzio ma tenace affetto per l’altro sofferente.

Annamaria Nuzzo

© Riproduzione Riservata