Sei qui: Home » Libri » Opere » “La banalità del male”, perché leggere oggi Hannah Arendt
Raccontare il presente

“La banalità del male”, perché leggere oggi Hannah Arendt

Come si spiega l'odio nel mondo? Rispondere riporta a galla quanto pensavamo di aver sconfitto: la banalità del male di cui parla Hannah Arendt

La banalità del male oggi: come si spiega l’ondata di odio che vediamo nel mondo? Rispondere a questa domanda oggi è difficile e doloroso. La guerra in Ucraina riporta a galla quanto pensavamo di aver sconfitto dopo la seconda guerra mondiale: l’insensatezza del male. O meglio ancora, la sua banalità. Non possiamo rimanere indifferenti, non possiamo fingere che tutto questo non ci riguardi, che “noi non lo faremmo mai”. Dal fenomeno degli hater sui social all’odio ai conflitti in Ucraina e ancor prima in Afghanistan: tutto ciò è la riprova che Hannah Arendt aveva ragione quando parlava di banalità del male.

Il processo ad Adolf Eichmann

A distanza di 15 anni dal processo di Norimberga, in cui furono condannati ventiquattro dei più importanti gerarchi nazisti, nel 1961 un anonimo tedesco fu catturato in Argentina. Si trattava di Adolf Eichmann, uno degli organizzatori delle deportazioni, che fu processato in Israele nel 1961, attirando l’attenzione dei media di tutto il mondo. Tra i molti osservatori del processo c’era la filosofa Hannah Arendt, che voleva capire come un uomo avesse potuto prendere parte agli orrori dell’Olocausto

Che cosa ci stupisce della testimonianza di Eichmann

Eichmann aveva costretto migliaia di ebrei a fuggire dai paesi occupati. Li aveva privati dei loro beni e aveva organizzato i convogli che deportavano gli ebrei verso i campi di concentramento. Aveva dunque impiegato il proprio ingegno e la propria capacità organizzativa per condannare a morte migliaia di persone. Dalla testimonianza di Eichmann al processo, tuttavia, non emerse il profilo di un uomo crudele e sanguinario. Agli occhi di Hannah Arendt, Eichmann si rivelava banalmente per quello che era: un mediocre burocrate, che nella questione ebraica aveva visto un’occasione per fare carriera. Egli non accettava di essere considerato colpevole “nel senso indicato dall’accusa”, perché non aveva mai materialmente ucciso nessuno. Era stato semplicemente un cittadino ligio agli ordini: un uomo “normale” nella Germania nazista.

Via: Zanichelli

Che cosa si intende per banalità del male

Le azioni criminali di Eichmann e degli altri gerarchi non erano le azioni di uomini mostruosi e demoniaci. Erano uomini normali, Eichmann era un uomo normale, troppo normale. La banalità del male si trovava nell’incapacità di rendersi conto di quello che si stava compiendo. Eichmann era talmente asservito a quella che per lui era normalità da non essere capace di pensare cosa stesse facendo, quali fossero le sue azioni e le conseguenze da esse derivate. Il filosofo francese Jean-François Lyotard, sulla scia delle riflessioni della Arendt, argomenterà successivamente che nella società nazista era mancato il tempo della riflessione e della scelta.

Potrebbe interessarti anche:
L’inutilità dell’odio secondo Ugo Foscolo
L'inutilità dell'odio secondo Ugo Foscolo

La frase del giorno è tratta dal romanzo "Ultime lettere di Jacopo Ortis" di Ugo Foscolo, il primo romanzo epistolare della letteratura italiana, pubblicato nel 1802

L’amore batte l’odio, la lezione di Gandhi sulla tolleranza
gandhi

Gandhi è l'esempio a cui tutti dovremmo aspirare: con i suoi insegnamenti ci mostra come la non violenza e l'amore possano davvero sconfiggere l'odio

Salvatore Quasimodo, la poesia “Uomo del mio tempo” contro l’odio
uomo-del-tempo-salvatore-quasimodo-1201-568

“Uomo del mio tempo” di Salvatore Quasimodo è l’ultima poesia della raccolta “Giorno dopo giorno” del 1946

Liliana Segre, la sua battaglia contro l’odio
lili segre

Superstite e testimone della Shoah, Liliana Segre è il simbolo vivente della battaglia contro l'odio e il razzismo. Oggi compie gli anni

“Still I rise”, la poesia di Maya Angelou contro l’odio
poesia-maya-angelou-still-i-rise-1201-568

La grande poetessa statunitense Maya Angelou, scomparsa nel 2014, ci ha lasciato in eredità poesie bellissime. “Still I rise” è una di loro.

Walter Veltroni: “L’odio è la malattia più grave del nostro tempo”
odio

Inizia stamattina la "Maratona contro l'odio", a partire dai testi del pamphlet di Walter Veltroni, "Odiare l'odio", che verranno letti dallo stesso Veltroni e fra gli altri da Jovanotti, Sandro Veronesi, Gianrico Carofiglio e Paolo Sorrentino. Oggi, 12 giugno, nella giornata che ricorda la nascita di Anna Frank, vi proponiamo Leggi articolo

© Riproduzione Riservata