Sei qui: Home » Libri » Opere » E’ morto Paolo Rossi, i libri da leggere sull’eroe del Mondiale 1982
La scomparsa del calciatore

E’ morto Paolo Rossi, i libri da leggere sull’eroe del Mondiale 1982

A darne notizia nella notte la moglie. Paolo Rossi fu campione del mondo nel 1982, giocatore simbolo di quella nazionale. Ecco i libri su di lui

E’ morto all’età di 64 anni Paolo Rossi, l’ex calciatore campione del mondo con l’Italia nel 1982. A darne la notizia nella notte la moglie Federica Cappelletti sul suo profilo Instagram.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Federica Cappelletti (@cappellettifederica)

Paolo Rossi

Nato a Prato il 23 settembre del 1956, Rossi si aggiudicò anche il titolo di capocannoniere in quel Mondiale di Spagna del 1982 sotto il ct Enzo Bearzot. Stesso anno in cui vinse il Pallone d’oro. Con la Juventus di Giovanni Trapattoni negli anni ’80 ha vinto due scudetti, una Coppa Italia, una Coppa delle coppe, una Supercoppa europea e la Coppa dei campioni nel 1985.

È morto Diego Armando Maradona, artista del calcio

È morto Diego Armando Maradona, artista del calcio

Diego Armando Maradona è stato probabilmente il calciatore più forte della storia del calcio. Una figura che è andata oltre il terreno di gioco ed è diventata materia narrativa, migliore di una sceneggiatura di finzione, protagonista di documentari e libri.

I libri sull’eroe dei Mondiali di Spagna 1982

A Paolo Rossi sono stati dedicati diversi libri. Ecco i principali pe ripercorrere la vita e le gesta dell’eroe dei mondiali di Spagna 1982 vinti dall’Italia.

Quanto dura un attimo

Era un idolo e fu squalificato. Tornò e diventò il Pablito del Mundial di Spagna ’82. Questa è in sintesi la parabola di Paolo Rossi, che dal 1980 al 1982, dalla condanna per il calcio scommesse alla vittoria sulla Germania, visse i due anni più duri ed esaltanti della sua vita: “Ho anche pensato di lasciare l’Italia e smettere di giocare. Mi ha salvato la consapevolezza di essere innocente”. La storia di Pablito è una favola a lieto fine, intrisa di successi eclatanti alternati a dolori laceranti, di forti impennate e rovinose cadute, di sogni realizzati e ferite profonde, di ambìti riconoscimenti e ingiustizia subita. È il bianco e nero di un’esistenza eccezionale, il copione di un film che ha incantato generazioni e continua a essere rivisto e rivissuto dal pubblico. Scritto a quattro mani con Federica Cappelletti, “Quanto dura un attimo” è l’autobiografia di un ragazzo che ha sfidato la sorte fino a diventare leggenda, realizzando il suo sogno di bambino e scrivendo pagine immortali di storia del calcio universale

1982: Il mio mitico Mondiale 

hi non si ricorda del Mondiale di calcio del 1982? Chi non ricorda i miracoli di Paolo Rossi? A distanza di trent’anni da quel mitico 1982, Paolo Rossi ripercorre i giorni che hanno cambiato la sua vita, che lo hanno reso eterno. E i giorni che ci hanno tenuti inchiodati davanti al televisore. Aneddoti e ricordi si intrecciano a emozioni, paure, sensazioni. Fino alla finalissima Italia-Germania con cui l’Italia vince il campionato. Un campionato rimasto nel cuore degli italiani che, dopo il racconto di Paolo Rossi, fanno sentire la loro voce, i loro ricordi, le loro emozioni. Un libro che è insieme la testimonianza di un grande campione e memoria collettiva di quegli italiani che ancora hanno impressi nel cuore l’esultanza del presidente Pertini ai tre gol azzurri e l’urlo indimenticabile del telecronista Martellini: “Campioni del mondo! Campioni del mondo! Campioni del mondo!”.

© Riproduzione Riservata