Chiude l'attività

Milano perde un’altra libreria, chiude la “Puccini” dopo 50 anni di attività

Dopo oltre 50 anni di attività chiude la Libreria Puccini di Corso Buenos Aires. Era stata fondata nel 1963 dalla famiglia Nanni

MILANO – Milano perde un’altra libreria. Se nel 2015 avevamo assistito alla chiusura di diverse librerie nel cuore di Milano, il 2016 non è iniziato meglio. Ad essere colpita dalla crisi è, questa volta, la Libreria Puccini di Corso Buenos Aires fondata dalla famiglia Nanni nel 1963. I motivi sono sempre gli stessi: il trend negativo delle vendite, costi di gestione e la diffusione capillare di nuovi canali di acquisto online sempre più competitivi.

.

DATI PREOCCUPANTI – Non solo in periferia, anche le librerie delle grandi città sono in crisi. Nel 2015 le chiusure a Milano sono state 15: da 326 a 311 punti vendita. Le ricadute si sono sentite fatte sentire anche sul numero degli impiegati, nel settore sono diminuiti da 1.363 a 1.255. Le previsioni per il 2016 non sono migliori. Lo dimostra ancora una volta la chiusura di una delle librerie più importanti di Milano, la Puccini. Lo scorso anno è stato il turno, tra le altre, della Libreria Coop davanti all’università Statale e della Libreria del Corso, l’ultima libreria familiare. Gennaio 2016 ha, invece, assistito alla chiusura di una Feltrinelli a Corvetto . La Puccini aveva raccolto segnali preoccupanti già nel 2011, ma la libreria ha resistito fino ad oggi. Chi vuole visitarla per l’ultima volta si affretti, l’attività chiuderà a fine mese.

.

I MOTIVI DELLA CHIUSURA – La libreria Puccini si è arresa in seguito al crollo delle vendite dei libri scolastici, da sempre uno dei pilastri dell’attività. Il responsabile del negozio, Luca Tesini, ha parlato con nostalgia degli anni in cui la Libreria Puccini era un punto di riferimento per le famiglie di tutta la città. I costi dei locali non sono più coperti dalle vendite. Le persone preferiscono i canali di vendita dei grandi store online per comprare un libro, piuttosto che recarsi in libreria. La grande possibilità d’accesso a internet, che permette ai lettori di ordinare un libro comodamente da casa, è una delle tendenze che sembra quasi impossibile da fermare. La chiusura delle librerie a Milano e in tutta Italia sta diventando un’abitudine, una tendenza che si deve al più presto fermare.

.

© Riproduzione Riservata
Commenti