Maria Accanto

Matteo B. Bianchi, “Nel mio libro un’amicizia poco convenzionale tra la Madonna ed una ragazza di oggi”

“Maria Accanto” è il titolo del libro che Matteo B. Bianchi ha presentato al Salone del Libro di Torino insieme a Mara Maionchi
Matteo B. Bianchi, “Nel mio libro un’amicizia poco convenzionale tra la Madonna ed una ragazza di oggi”

TORINO – Un romanzo divertente ed intelligente, la risposta alla domanda “Che fareste se ad un certo punto della vostra vita vi apparisse la Madonna?” . E’ questo “Maria Accanto”, il libro che Matteo B. Bianchi ha presentato al Salone del Libro di Torino insieme a Mara Maionchi, celebre volto televisivo e fresca di ritorno tra i giudici di X-Factor per la prossima edizione. I due, amici da 3 anni quando hanno iniziato a collaborare per Extra-Factor, la coda finale di X-Factor, sono stati protagonisti di un incontro divertente e con diversi spunti di riflessione.

LA TRAMA – Protagonista del libro è Betty, una semplice ragazza milanese che ad un certo punto inizia a vedere cose strane, fino a quando nella sua cameretta appare Maria nella sua classica veste iconografica. La Madonna ha semplicemente bisogno di un’amica, quella che non ha mai avuto, vuole rivivere la sua adolescenza, farlo con una ragazza normale, volendo conoscere come vivere le ragazze di oggi. Ma appena arriva Maria, qualcosa cambia nella vita di Betty, e sarà la stessa protagonista a guardare il mondo da un altro punto di vista. Betty dava del Lei alla madonna, dopodiché la porta da H&M a vestirsi come lei per vederla come una vera amica. Quando l’amicizia inizia a farsi profonda, Maria si fa in carne ed ossa, ed inizia ad essere visibile anche agli altri.

TRA CIELO E TERRA – “Maria accanto” è un libro, come ha affermato lo stesso autore,  che tocca dei temi importanti, senza mai andare in profondità. Mara Maionchi tiene a sottolineare come Maria sia stata terrena, ed ha vissuto ciò che faceva parte del cielo dal punto di vista umano. “Il fatto che nel libro si vesta con i jeans la rende parte del nostro mondo, più umana. La nostra immaginazione ci fa credere che ciò che fa parte del Cielo non ci appartenga: ciò non è vero, siamo noi invece che non facciamo parte del Cielo e non capiamo. Non è facile comprendere questa unione tra Cielo e Terra”. La ricerca di comprendere il vero senso della vita e quale sarà il nostro destino dopo questa vita deve essere secondo la Maionchi il vero senso della nostra esperienza terrena. “E’ inutile affannarsi troppo per arricchirsi o avere più potere in questa Terra, perché tanto qui lasciamo tutto. Converrebbe vivere più sereni e cercare di cogliere l’essenza della vita, anche pregando. Anche io sono una peccatrice, prego molto prima di arrivare ‘su in diretta’.”

MARIA OSSERVATRICE – Incalzato dalla Maionchi, Matteo B. Bianchi ha rivelato come è nata la trama del libro “Ero con un amico regista, Max Croci, ad un festival di cinema, una mattina al tavolino di un bar, mentre eravamo alla ricerca di ispirazione per il prossimo film. Da li mi è venuto da raccontare tutta la storia, che come cortometraggio non poteva andare bene, e quindi decisi di scrivere un romanzo”. L’autore con “Maria Accanto” ha cercato di non toccare cose che potessero infastidire i credenti. “Ho cercato di fare un libro misurato, tagliando e togliendo delle parti, con il timore che questo equilibrio si sbilanciasse. Questo libro ha aspetti comici e drammatici, ma non sceglie nessuna delle due strade: resta un libro in bilico. La mia è una “Maria Osservatrice” non può intervenire, osserva e basta.” L’incontro si conclude con un ultimo spunto di riflessione da parte di Mara Maionchi. “Senza il sacrificio ed il duro lavoro, il talento è nullo. Ci sono talenti che sono stati superati da persone meno talentuose ma con più fame e voglia di emergere”.

© Riproduzione Riservata
Commenti