Sei qui: Home » Libri » “Maria che danza sulle antenne di un calabrone”, l’esordio letterario di Alberto Coco
Il libro

“Maria che danza sulle antenne di un calabrone”, l’esordio letterario di Alberto Coco

“Maria che danza sulle antenne di un calabrone” è il primo romanzo di Alberto Coco incentrato sulle diverse sfaccettature dell'amore in una famiglia

Il libro da leggere che vi consigliamo oggi è “Maria che danza sulle antenne di un calabrone”, esordio letterario del direttore marketing di Ubisoft Italia Alberto Coco, scritto in una forma pulita e un po’ novecentesca per rimanere coerente con i suoi personaggi. Le ambientazioni vanno da Milano fino al Tavoliere delle Puglie passando per Igea Marina, un romanzo che si evolve anche nel tempo oltre che nello spazio.

“Maria che danza sulle antenne di un calabrone”, la trama

Il romanzo narra la storia di un ragazzo, Berto, e di sua nonna Pina. È la storia di un viaggio attraverso l’Italia, da Milano a San Severo, in Puglia; un percorso nella memoria e nella storia, di chi è prossimo alla morte e di chi invece alla vita adulta. È l’amore, però, il vero protagonista del romanzo: l’amore raccontato in tutte le sue forme più pure, l’amore tra nonni e nipoti, di una madre per il figlio morto giovane, di un padre per una figlia straordinariamente “diversa”. In un reticolato di vite vissute, di intimità, segreti e ricordi, il romanzo esplora la tragedia della morte e della malattia, lo splendore della vita e il suo mistero più grande: la rinascita.

Un romanzo che parla d’amore e di famiglia

Al centro del romanzo di Alberto Coco c’è la famiglia, i difficili rapporti tra i giovani figli maschi e i padri padroni della famiglia patriarcale, cui fa da contraltare la Sacra famiglia di Pino e Maria, gli altri due protagonisti della storia. Il vero protagonista del romanzo è l’amore nelle sue forme più pure: l’amore tra nonni e nipoti, tra due ragazzi giovani, tra un padre e una figlia “diversa”, l’amore eterno di una madre per il figlio morto.

 

Il mistero

Nel romanzo, il mistero ruota attorno a un sogno e a una notizia importante annunciata, ma non raccontata a Pina da suo figlio Enzo prima di morire in un incidente nel ’44. Pina scoprirà la verità solo quarant’anni dopo, verità che rivela nuovi legami tra alcuni personaggi della storia. Il mistero porterà il lettore a confrontarsi con l’irrazionale e il magico che irrompono nella vita del protagonista, una dimensione che affonda le radici nella cultura popolare contadina del Sud, con la sua spiritualità profonda, la religiosità magica e un po’ pagana, “dove tutto diventa divino e sacro”, come disse Carlo Levi, con le sue processioni evocative, le apparizioni, e gli interventi miracolosi di Santi, Madonne e guaritrici e guarigioni miracolose. 

Alberto Coco

Alberto Coco, 1964, vive a Cusago (Milano). Ha lavorato a contatto con il mondo occupandosi di marketing e di comunicazione, di licensing e publishing. Per conto della società nella quale lavora, Ubisoft, racconta ai ragazzi italiani le saghe che hanno fatto la storia dell’industria dei videogiochi.

© Riproduzione Riservata