Sei qui: Home » Libri » Lo scrittore Vargas Llosa candida Lampedusa al Nobel per la Pace

Lo scrittore Vargas Llosa candida Lampedusa al Nobel per la Pace

Lo scrittore peruviano Mario Vargas Llosa, vincitore della decima edizione del Premio letterario ''Giuseppe Tomasi di Lampedusa'' e Premio Nobel per la letteratura 2010, dal palco di Santa Margherita di Belìce (Ag) lancia un appello per candidare l'isola di Lampedusa e i suoi abitanti al prossimo Premio Nobel per la Pace...
L’isola divenuta simbolo di salvezza come esempio di solidarietà umana
AGRIGENTO – Lo scrittore peruviano Mario Vargas Llosa, vincitore della decima edizione del Premio letterario «Giuseppe Tomasi di Lampedusa» e Premio Nobel per la letteratura 2010, dal palco di Santa Margherita di Belìce (Ag) lancia un appello per candidare l’isola di Lampedusa e i suoi abitanti al prossimo Premio Nobel per la Pace come «esempio di comprensione e solidarietà umana». 
LAMPEDUSA – «Impegnandosi ad aiutare i migranti provenienti dal Maghreb e dall’Africa sub sahariana che spesso arrivano in condizioni disumane – ha spiegato Vargas Llosa – questo popolo ha dato un esempio di comprensione e di solidarietà umana ad una Europa dove ancora ci sono molti pregiudizi nei confronti dell’immigrazione e di quello che rappresenta»
IL PREMIO – Ospite a Palermo, nella prestigiosa sede di Palazzo Lanza Tomasi, lo scrittore peruviano quest’anno si è aggiudicato l’ambito premio dedicato all’indimenticato romanziere siciliano Giuseppe Tomasi di Lampedusa. “Ho una grande ammirazione per Tomasi di Lampedusa e per la sua opera – ha raccontato Llosa – Ho letto il suo romanzo 25 anni fa e sono rimasto meravigliato per la ricchezza la bellezza e la sottigliezza della storia. Ho scritto su di lui un saggio, dopo ho riletto l’opera tutta, credo che quello di Tomasi di Lampedusa sia uno dei grandi romanzi del secolo ventesimo, è un caso eccezionale perché a differenza di altri romanzi non ha antecedenti”
 
13 agosto 2013 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA 
© Riproduzione Riservata

Lascia un commento