La protesta di romanzieri e intellettuali

Libri vietati in carcere, la dura protesta degli scrittori a Londra

Il governo britannico ha trovato un nuovo sistema per rendere più dura la vita in carcere: proibire ai detenuti di ricevere libri. Esordisce così sulle pagine di Repubblica il corrispondente da Londra Enrico Franceschini...

Sulle pagine di Repubblica, il corrispondente a Londra enrico Franceschini analizza la situazione che ha portato romanzieri ed intellettuali a lanciare una petizione per riportare i libri a disposizione dei carcerati

LA CRITICA QUOTIDIANA – Il governo britannico ha trovato un nuovo sistema per rendere più dura la vita in carcere: proibire ai detenuti di ricevere libri. Esordisce così sulle pagine di Repubblica il corrispondente da Londra Enrico Franceschini nell’analizzare la notizia che sta indignando gli scrittori: da novembre il governo britannico ha vietato a parenti e amici di inviare ai propri congiunti o conoscenti che si trovano dietro le sbarre libri da leggere.

LA REAZIONE DEGLI SCRITTORI – La notizia ha creato scalpore in seguito alla denuncia su un blog che parla di diritti umani. Da qui la reazione immediata, con alcuni scrittori tra cui Philip Pullman e Mark Haddon che hanno lanciato una petizione online e che in 24 ore ha raccolto migliaia di firme.

LIBRI SOLO IN PRESTITO DALLA BIBLIOTECA CARCERARIA – In seguito al polverone sollevato dalla notizia, il ministro della Giustizia Chris Grayling ha dovuto giustificare il provvedimento, precisando che ciascun carcerato può avere fino a 12 libri nella propria cella, prendendoli però  in prestito dalla biblioteca carceraria o ottenendo un certificato di buona condotta. Questo, secondo il ministro della Giustizia, per incentivare i condannati a comportarsi meglio. Franceschini sottolinea, però, che le biblioteche delle carceri sono mal fornite e visitate dai carcerati ogni due-tre settimane.

QUESTIONE MORALE – Per gli scrittori la questione non è solo pratica, ma soprattutto morale. Secondo Philip Pullman si tratta di “uno degli atti più maligni, disgustosi, vendicativi di un governo barbaro”, per Susan Hill “vietare i libri in carcere è una mossa da stato totalitario”, mentre secondo il docente di storia e letteratura a Cambridge Mary Beard “i libri educano e riabilitano, vietarli in prigione è una follia”.

26 marzo 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti