Libri da regalare

I libri da regalare a Natale a una donna amante dei libri

Per la corsa ai regali di Natale, ecco alcuni libri usciti in questo 2017 da poter regalare a tutte le donne che vi stanno più a cuore
I libri da regalare a Natale a una donna amante dei libri

MILANO – Il calendario ci ricorda che mancano meno di dieci giorni al giorno di Natale e tutti non vediamo l’ora di scartare i regali sotto l’albero. Come al solito c’è chi ancora non ha avuto tempo di dedicarsi agli acquisti o addirittura di stilare una lista di papabili regali. Se così fosse, niente paura. Per tutte quelle donne, dalla vostra amica a vostra madre e dalla vostra sorella fino alla vostra collega, ecco alcuni suggerimenti su alcune letture con protagoniste donne che possono fare al caso vostro. Perché per un vero amante dei libri non c’è niente di meglio che concedersi dei veri momenti di relax lasciandosi trasportare dalle storie di vite altrui e che in qualche modo si mescolano alle nostre.

Ragazze elettriche di Naomi Alderman

Il racconto scompagina il racconto del futuro prossimo e penetra nelle vene della crudeltà che abita ineludibilmente, come uno stigma, la conquista e l’esercizio del potere. In un tempo imprecisato ma molto vicino al nostro presente, nel mondo comincia all’improvviso a verificarsi uno strano fenomeno: prima le ragazze, e poi le donne in generale, sviluppano la capacità di infliggere dolore e morte tramite scariche elettriche emanate dalle loro mani e attivate da una misteriosa “matassa” collocata sulle clavicole. Si innesca cosi un’inedita gerarchia di potere  in cui gli uomini, ridotti in schiavitù vengono  seviziati e uccisi

Tre donne di Dacia Maraini

Ogni donna è una voce, uno sguardo, una sensibilità unica e irripetibile. Dacia Maraini ci pone davanti agli occhi un racconto o meglio storie che sono la testimonianza di una donna che non ha mai smesso di lottare per difendere la forma più pura di amore, quello per la libertà. Perché solo chi ha vissuto cento esistenze in una può ricordarci che l’amore è la sola bellezza a cui non possiamo rinunciare. “Tre donne” illumina i percorsi nascosti e gli equilibri impossibili del desiderio, li fotografa con un taglio inedito che ne coglie le delicate sfumature in tutte le età della vita.

Festa di famiglia di Sveva Casati Modignani

L’ultimo libro della Modignani  è un romanzo in cui si rispecchiano le donne di oggi, con i loro sogni e le loro fragilità, con le nuove ambizioni e i quesiti di sempre. La storia parla dei valori più autentici e degli affetti più veri, quelli che ti fanno sentire a casa. Andreina, una delle quattro protagoniste, appartiene a una nuova generazione di donne, più emancipate e disinvolte, eppure di fronte a una decisione improvvisa che le si pone davanti, si sente smarrita. Ma nonostante tutto una cosa è certa: qualunque sia la sua scelta, le amiche le saranno sempre accanto, come una famiglia.

L’amica geniale di Elena Ferrante

Un romanzo appassionante e coinvolgente, ambientato nella miseria di un rione napoletano degli anni ’50. La storia vissuta dalla giovane protagonista ripercorre le varie tappe della sua infanzia in parallelo con le vicende della sua coetanea e amica, tra violenze quotidiane e ignoranza popolare. Un luogo dove il denaro è ancora l’unica chance per emergere e abbandonare il degrado. L’amica geniale appartiene a quel genere di libro che si vorrebbe non finisse mai. E infatti non finisce. O, per dire meglio, porta compiutamente a termine in questo primo romanzo la narrazione dell’infanzia e dell’adolescenza delle due protagoniste ma ci lascia sulla soglia di nuovi grandi mutamenti che stanno per sconvolgere le loro vite e il loro intensissimo rapporto

Ogni storia è una storia d’amore di Alessandro D’Avenia

In questo libro incontriamo anzitutto una serie di donne, accomunate dal fatto di essere state compagne di vita di grandi artisti: muse, specchi della loro inquietudine e spesso scrittrici, pittrici e scultrici loro stesse, argini all’istinto di autodistruzione, devote assistenti, o invece avversarie, anime inquiete incapaci di trovare pace. Alessandro D’Avenia cerca di dipanare il gomitolo di tante diversissime storie d’amore, e di intrecciare il filo narrativo che le unisce, in un ordito ricco e cangiante. E per fare ciò, come un filomito, un “filosofo del mito”, si rivolge all’archetipo di ogni storia d’amore.

© Riproduzione Riservata
Commenti