Le letture preferite dei candidati

Libri e politica, le letture preferite dei candidati a Sindaco di Roma e Milano

In attesa di scoprire chi riuscirà a spuntarla sull'altro, i candidati a Sindaco di Milano e Roma hanno fatto sapere i loro 5 libri preferiti
Libri preferiti candidati sindaco Milano e Roma

MILANO – L’attesa per scoprire chi sarà il nuovo sindaco di Roma e Milano è sempre più grande e in questi giorni i candidati si stanno sfidando a colpi di programmi politici e dibattiti. Oggi i candidati sindaco di Roma, Roberto Giachetti e Virginia Raggi, e di Milano, Stefano Parisi e Giuseppe Sala, hanno pubblicato oggi la lista dei loro 5 libri preferiti, su Amazon.it. “Una storia d’amore e di tenebre di Amos Oz è il primo dei libri preferiti di Stefano Parisi; Virginia Raggi ha posizionato in cima alla sua classifica “Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry; Roberto Giachetti segnala invece, tra gli altri, “La provincia dell’uomo” di Elias Canetti; mentre Giuseppe Sala ha scelto come primo libro “Pastorale americana” di Philip Roth.

.

Roma

.
Roberto Giachetti

1) La provincia dell’uomo di Elias Canetti

2) Il mestiere di vivere di Cesare Pavese

3) Un altro giro di giostra di Tiziano Terzani

4) Il ciclo di Malaussène di Daniel Pennac

5) Il libro dell’inquietudine” di Fernando Pessoa

 

Virginia Raggi

1) Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry

2) I re di Roma di Lirio Abbate e Marco Lillo

3) Grande raccordo criminale di Floriana Bulfon e Pietro Orsatti

4) E io pago di Daniele Frongia e Laura Maragnani

5) Un uomo di Oriana Fallaci

.

Milano


Stefano Parisi

1) Una storia di amore e di tenebra di Amos Oz

2) La famiglia Karnowski di Israel J. Singer

3) La spia inglese di Daniel Silva

4) La Follia di Patrik McGrath

5) L’intelligenza del denaro di Alberto Mingardi

.

Giuseppe Sala

1)Pastorale americana di Philip Roth

2) Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov

3) Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa

4) OPEN di Andre Agassi

5) L’insostenibile leggerezza dell’essere di Milan Kundera

.

© Riproduzione Riservata
Commenti