per tutte le donne

I libri da regalare a Natale alle donne

Mancano ormai pochi giorni a Natale , ed è iniziata la corsa agli ultimi regali. Ecco i libri perfetti da regalare alle donne della vostra vita

MILANO – Il calendario ci ricorda che mancano meno di dieci giorni al giorno di Natale e tutti non vediamo l’ora di scartare i regali sotto l’albero. Come al solito c’è chi ancora non ha avuto tempo di dedicarsi agli acquisti o addirittura di stilare una lista di papabili regali. Se così fosse, niente paura. Per tutte quelle donne, dalla vostra amica a vostra madre e dalla vostra sorella fino alla vostra collega, ecco alcuni suggerimenti su alcune letture con protagoniste donne che possono fare al caso vostro. Perché per un vero amante dei libri non c’è niente di meglio che concedersi dei veri momenti di relax lasciandosi trasportare dalle storie di vite altrui e che in qualche modo si mescolano alle nostre…

Frida Kahlo, María Hesse

frida kahlo maria hesseUn corpo segnato dal dolore e dalla passione, abitato da immagini impetuose e seducenti: Frida Kahlo fu molto più che sofferenza e angoscia, fu un’artista piena di vita. La sua pittura è lacrime e sangue ma anche festa e luci. Visse sempre agli estremi, oscillando dal colore al nero, dalla felicità alla tristezza più profonda, dalle risate ai canti. Fu una donna appassionata che non si rassegnò mai a restare nell’ombra del suo grande amore, il pittore Diego Rivera, e combatté per realizzare tutti i propri sogni, uno a uno. Una splendida biografia illustrata di una delle donne più grandi della storia, da regalare a una delle grandi donne della nostra vita.

Corpo felice, Dacia Maraini

corpo felice dacia marainiDacia Maraini ha perso un figlio al settimo mese di gravidanza, a causa di una rara complicazione. Lei stessa ha rischiato la vita in quell’occasione. E il romanzo è una lunga lettera a questo bambino perduto, che nell’immaginazione romanzesca nasce e cresce, accompagnato dalle riflessioni della madre sulle grandi donne della storia. C’è Artemisia Gentileschi, c’è la scultrice Camille Claudel, e tante altre donne.  Donne che non hanno mai smesso di cercare la propria via per la felicità, piene di vita o disperate per la sua assenza, santificate o temute dagli uomini. Ed è proprio a loro che parlano queste pagine. Agli occhi di un bambino maschio non ancora uomo. Per ricordare a lui e a tutti noi, sul filo sottile ma resistente della memoria, che solo quando l’amore arriva a illuminare le nostre vite, quello tra i sessi non sarà più uno scontro ma l’incontro capace di cambiare le regole del gioco.

 

Figlie di una nuova era, Carmen Korn

figlie di una nuova era carmen kornQuattro donne, un secolo di storia: “Figlie di una nuova era” è il primo capitolo di una nuova, avvincente trilogia tutta al femminile. Ad Amburgo negli anni Venti quattro ragazze di provenienze molto diverse si incontrano. Henny, di buona educazione borghese, vive all’ombra della madre; l’amica di sempre Käthe, di estrazione più modesta, emancipata e comunista convinta; Ida, rampolla di buona famiglia, ricca e viziata, nasconde un animo ribelle sotto strati di convenzioni; e Lina, indipendente e anticonformista. Insieme crescono e vedono il mondo trasformarsi, mentre le loro vicende personali s’intrecciano in una rete intricata di relazioni clandestine, matrimoni d’interesse, battaglie politiche e sfide lavorative, lutti e perdite, eventi grandi e piccoli tenuti insieme dal filo dell’amicizia.

Il sogno della macchina da cucire, Bianca Pitzorno

il sogno della macchina da cucireC’è stato un tempo in cui non esistevano le boutique di prêt-à-porter e tantomeno le grandi catene di moda a basso prezzo, e ogni famiglia che ne avesse la possibilità faceva cucire abiti e biancheria da una sarta: a lei era spesso dedicata una stanza della casa, nella quale si prendevano misure, si imbastivano orli, si disegnavano modelli ma soprattutto – nel silenzio del cucito – si sussurravano segreti e speranze. Bianca Pitzorno dà vita in queste pagine a una storia che ha il sapore dei feuilleton amati dalla sua protagonista, ma al tempo stesso è percorsa da uno sguardo modernissimo. Narrare della sartina di allora significa parlare delle donne di oggi e dei grandi sogni che per tutte dovrebbero diventare invece diritti: alla libertà, al lavoro, alla felicità.

 

Little black book, Otegha Uwagba

little black bookOtegha Uwagba, alla luce della propria esperienza di donna, di manager, di professionista che ha fatto della creatività il segreto del proprio successo, condivide idee, spunti, consigli, pieni di buon senso e fuori dai luoghi comuni, insegnandoci tutti i trucchi e le strategie per riuscire nel mondo del lavoro. E affianca alle proprie tesi le testimonianze di alcune pioniere della creatività femminile, dalla scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie a Piera Gelardi, la fondatrice di Refinery29, come esempio e fonte di ispirazione per una carriera vincente. Un’artista o un’imprenditrice, una donna di pensiero o d’azione, qui troverà i suggerimenti giusti per sviluppare e dare valore alla sua professionalità.

 

 

Una cosa sull’amore, Jeffrey Eugenides

una cosa sull amore jeffrey eugenidesLa scoperta della propria sessualità, il tumulto dell’adolescenza, l’amore dentro e fuori la famiglia. “Una cosa sull’amore” ha per protagonisti uomini e donne nel mezzo di una crisi personale o del mondo che li circonda, del loro paese. Un poeta fallito e roso dall’invidia che si trasforma in abile truffatore. Un suonatore di clavicordo costretto ad accantonare la sua passione per l’arte in nome della moglie e dei figli; il docente universitario piuttosto confuso sulla sua identità sessuale e la studentessa indiana che, per sfuggire alle imposizioni della sua famiglia, arriva a compromettere la vita privata e la carriera di un professore di mezza età.

 

 

Matrigna, Teresa Ciabatti

matrigna teresa ciabattiIl piccolo Andrea ha solo 9 anni quando, nel giro di pochi istanti, sfugge alla mano della sorella nella folla. E sparisce. Un trauma enorme pesa su Noemi: non avrebbe forse dovuto tenerlo meglio? È colpa sua? Teresa Ciabatti ci immerge nel racconto di un mistero, con un romanzo sui ruoli che non si finisce mai di attribuire: padre, madre, fratello, sorella. Dove la famiglia dispiega tutte le sue ossessioni, manifestandosi prima come rifugio, poi come condanna.

 

 

 

The sun and her flowers, Rupi Kaur

the sun and her flowers rupi kaur«The sun and her flowers. Il sole e i suoi fiori è una raccolta di poesie di dolore abbandono celebrazione delle radici amore e legittimazione di sé è divisa in cinque capitoli l’appassire. il cadere. il radicare. il crescere. il fiorire.» (New York Times)
La poesia di Rupi Kaur è soave come il sole sui fiori. Brevi carmi, simili agli haiku giapponesi, raccontano l’amore, il dolore, la donna.
«Rupi Kaur ha cominciato a scrivere poesie per guarire, per dare un nome a ciò che il corpo non dimentica, per accorgersi di essere ancora intera.» (La Repubblica)

 

 

 

Asimmetria, Lisa Halliday

lisa halliday asimmetria“Asimmetria” è un romanzo come non ne avete mai letti. Esplora con originalità e intelligenza, umorismo ed eleganza le relazioni asimmetriche della vita. Alice ha venticinque anni, vive a New York e lavora per una casa editrice. Una domenica, mentre legge seduta su una panchina di Central Park, incontra un signore affascinante, quarant’anni più vecchio, che Alice riconosce subito come Ezra Blazer, il leggendario Premio Pulitzer per la letteratura universalmente ammirato. Cosa succederà tra loro?

Le assaggiatrici, Rosella Postorino

le assaggiatrici rosella postorinoÈ l’autunno del ’43 a Gross-Partsch, un villaggio vicino al quartier generale di Hitler nascosto nella foresta. Rosa Sauer e altre nove donne si trovano in una stanza, stanche e affamate. Quando le SS ordinano: “Mangiate”, davanti al piatto traboccante è la fame ad avere la meglio; subito dopo, però, prevale la paura: le assaggiatrici devono restare un’ora sotto osservazione, affinché le guardie si accertino che il cibo da servire al Führer non sia avvelenato.

© Riproduzione Riservata