Novità

I libri da non perdere in uscita a Maggio

Dal ritorno di Elena Ferrante a Clara Sanchez, scopriamo le principali novità che attendono i lettori durante questo mese
I libri da non perdere in uscita a Maggio

Nuove uscite in libreria durante il mese di Maggio. Dal ritorno di Elena Ferrante a Clara Sanchez, scopriamo le principali novità che attendono i lettori durante questo mese.

Il caso speciale della ghostwriter di Alice Basso (2 maggio)

Per Vani le parole sono importanti. Dal modo in cui una persona le pronuncia, dalla scelta di un termine, riesce ad intuire le abitudini o le manie di chi le ha usate. In questo è una maestra perché Vani è una ghostwriter. Per questo deve ringraziare anche chi per primo ha capito la sua bravura: Enrico, il suo capo. Non sempre si trovano d’accordo, ma Vani gli deve molto. Ecco perché, anche se non vorrebbe mai ammetterlo a sé stessa, ora è preoccupata per lui. Da quando si è lasciato sfuggire un lavoro importantissimo è sparito.

Dancing Paradiso di Stefano Benni (2 maggio)

Dancing Paradiso è un locale notturno di una crudele metropoli, dove “non bisogna essere buoni per entrare / prendono anche le carogne / e qualche volta le fanno cambiare”. È in quel locale che un angelo custode – “Angelo angelica” – tenta di far confluire i cinque protagonisti di questa narrazione in versi: Stan, il pianista triste, che prepara un ultimo concerto per Bill, l’amico batterista morente in ospedale, Amina, giovane profuga che ha perso la madre passando il confine.

Ogni riferimento è puramente casuale di Antonio Manzini (2 maggio)

Antonio Manzini ritorna, dopo Sull’orlo del precipizio, alla satira del mondo della comunicazione e dell’editoria. Ironia spietata nel dipingere una realtà che a tratti diventa amara e squallida, oppure davvero spassosa.

Lena e la tempesta di Alessia Gazzola (6 maggio)

Si dice che ciascuno di noi, nel corso della propria vita, accumuli in media tredici segreti. Di questi, solo cinque sono davvero inconfessabili. Lena ne ha soltanto uno, ma si fa sentire dentro come se ne valesse mille. E per quanto si sforzi di dimenticarlo, è inevitabile per lei ripensarci mentre dal traghetto scorge l’isola di Levura, meta del suo viaggio. Ancora non
sa che ci si può proteggere dalle emozioni con una corazza, ma c’è sempre qualcuno pronto a scalfirla, come Tommaso l’affascinante ragazzo che giorno dopo giorno la aiuterà a capire chi vuole essere davvero.

L’estate dell’innocenza Clara Sanchez (9 maggio)

C’è un’età in cui sono gli altri a scegliere. È la magia dell’essere bambini. È il segreto dietro l’innocenza di quegli anni. Così è per Beatrice in quell’estate dei suoi dieci anni in cui il mare della Costa Brava brilla all’orizzonte. In vacanza con lei la sua famiglia fuori dagli schemi. Beatrice è solo una bambina, eppure quell’estate inizia a cambiare tutto.

Ci salveremo di Ferruccio De Bortoli (6 maggio)

Ci salveremo? O il nostro Paese precipiterà in un nuovo Medioevo? Rispondendo a queste domande, Ferruccio de Bortoli ci parla dei costi della folle deriva populista e mette in luce anche le colpe e le ambiguità delle élite, della classe dirigente, dei media, e persino di chi scrive. Il futuro va conquistato, non temuto, e non dobbiamo mai perdere la memoria degli anni in cui eravamo più poveri e senza democrazia. Solo così ci salveremo. Nonostante tutto.

L’invenzione occasionale di Elena Ferrante (8 maggio)

L’invenzione occasionale è composta da cinquantuno frammenti eterogenei di esperienze e di poetica, di intuizioni e di autobiografia. I titoli dei brevi testi modellano una mappa in movimento, definita di volta in volta dall’occhio del lettore. Attraversando soglie e frontiere diverse, rovesciando le stesse pertinenze di alto e basso, ogni tessera apre varchi tra contesti lontani, devia dal solco per meglio segnarne la traccia.

Nel silenzio delle nostre parole di Simona Sparaco (13 maggio)

Con una straordinaria sensibilità e una scrittura che diventa più intensa a ogni pagina, Simona Sparaco indaga i momenti terribili in cui la vita e la morte si sfiorano diventando quasi la stessa cosa, e in cui le distanze che ci separano dagli altri vengono abbattute dall’amore più assoluto, quello che non conosce condizioni.

Volevo essere una vedova di Chiara Moscardelli (21 maggio)

Che fine ha fatto Chiara, l’aspirante ma mancata gatta morta?  Per capirlo Chiara si racconta, ai lettori e all’analista, ripercorrendo gli ultimi dieci anni. Chiara Moscardelli torna a farci morire dal ridere, mentre descrive un mondo che sulla felicità delle donne ha ancora molto da imparare.

Il cuoco dell’Alcyon (Il commissario Montalbano Vol. 30) di Andrea Camilleri (30 maggio)

Il suicidio di un operaio appena licenziato e un imprenditore privo di scrupoli trovato assassinato con un colpo di pistola alla nuca. E poi c’è l’Alcyon, una goletta un po’ misteriosa, pochissimi gli uomini di equipaggio, niente passeggeri, la zona di poppa larga abbastanza per fare atterrare un elicottero. Un giallo d’azione, quasi una spy story dove si intrecciano agenti segreti, FBI e malavita locale. E un commissario irriconoscibile, che stupirà i suoi lettori.

© Riproduzione Riservata
Commenti