Chi legge libri ha più possibilità di trovare l’anima gemella

A dimostare la stretta correlazione tra leggere libri e possibilità di piacere agli altri è uno studio ed alcuni dati estratti da un app dedicata ad appuntamenti, “MyBae”
Chi legge libri ha più possibilità di trovare un partner

MILANO – Se leggi, hai più possibilità di trovare un partner. Ad affermarlo è uno studio ed alcuni dati estratti da un app dedicata ad appuntamenti, “MyBae”. Ad analizzare la curiosa correlazione è la giornalista Maddie Cum sul The Huffington Post.

AFFINITA’ LETTERARIE – La Cum inizia la sua analisi partendo dall’aforisma dello scrittore John Waters, che esprime palesemente la correlazione tra leggere e conquistare una persona: “Abbiamo bisogno di fare tornare nuovamente di moda i libri. Se vai a casa di qualcuno e non ha dei libri, non andarci a letto”. Nel Regno Unito un app dedicata ad appuntamenti, “MyBae”, ha dimostrato come le principali affinità non riguardino l’interesse condiviso su film o su generi musicali, ma sui libri. La app funziona suggerendo corrispondenze tra persone in base  a tags condivisi, che possono includere l’orientamento sessuale e gli hobby degli utenti. Come faceva OkCupid e altre applicazioni prima, MyBae utilizza i dati per trarre informazioni sui suoi utenti e sugli appuntamenti in generale.

LIBRI BATTONO CINEMA E MUSICA – In un post sul blog dal suo community manager, il sito ha rivelato che il 21% di affinità sono legate a passioni di lettura condivise, rispetto ad una media del 15% per musica, film e TV. Così, sorprendentemente, i lettori sono più interessati a uscire con altri lettori rispetto agli appassionati di cinema. Ma gli appassionati di libri hanno anche maggiori probabilità di ricevere richieste da potenziali partner, indipendentemente dal fatto che la persona elenchi la lettura tra i suoi interessi. Ben l’11% degli utenti ha cercato di approcciarsi con un amante dei libri, a differenza del 7% che ha cercato invece di avvicinarsi a chi preferisce la musica. MyBae offre alcune statistiche interessanti: gli utenti che indicano tra le loro preferenze libri specifici (“Il trono di spade”, in particolare) hanno maggiori probabilità di ottenere consensi rispetto a quelli che non lo fanno, e chi indica di preferire il genere romantico ha più probabilità di trovare un “partner virtuale”, seguito da thriller psicologici e libri di viaggio.

GIOVANI LETTORI – I risultati non sono tutto ciò che sorprendente, considerando uno studio del Pew Research, del 2014, ha dimostrato come i “millennials” – la generazione con più probabilità di trovare partner utilizzando delle aapp dedicate – sono coloro che hanno più probabilità di aver letto un libro nell’ultimo anno rispetto a persone appartenenti ad altre generazioni. Mentre alcuni dati di consumo dicono che la lettura di libri è in calo, questo studio dimostra come la lettura sia un’attività più viva che mai.

© Riproduzione Riservata