Da Battisti a De André

Le frasi d’amore più belle della musica italiana

Non è un caso se l'amore può essere sia passione che armonia, può donare tristezza e felicità, può essere guerra e può essere pace
Le frasi d'amore più belle della musica italiana

MILANO – La musica, da quando è nata, parla d’amore, il sentimento più forte e universale che esista. Lo proviamo tutti, sappiamo cos’è eppure è difficile definirlo, perché ognuno di noi lo vive in modo diverso. Non a caso l’amore può essere sia passione che armonia, può donare tristezza e felicità, può essere guerra e può essere pace. D’altra parte, è per amore che prendiamo gran parte delle scelte che vanno poi a determinare la nostra vita. Oggi vi proponiamo alcune delle frasi d’amore più belle della musica italiana.

 

LEGGI ANCHE: Perché “Mi sono innamorato di te” di Luigi Tenco è da considerarsi poesia

 

Che anno è, che giorno è? Questo è il tempo di vivere con te…

(“I giardini di marzo”, Lucio Battisti)

 

Quando sei qui con me questa stanza non ha più pareti ma alberi, alberi infiniti…

(“Il cielo in una stanza”, Gino Paoli)

 

Vorrei incontrarti fra cent’anni, combatterò dalla tua parte perché tale è il mio amore che per il tuo bene sopporterei ogni male…

(“Vorrei incontrarti fra cent’anni”, Ron)

 

Guardò negli occhi la ragazza, quelli occhi verdi come il mare, poi all’improvviso uscì una lacrima e lui credette di affogare…

(“Caruso“, Lucio Dalla)

 

E con le mani amore, per le mani ti prenderò. E senza dire parole nel mio cuore ti porterò. E non avrò paura se non sarò bella come dici tu, ma voleremo in cielo in carne ed ossa, non torneremo più…

(“La donna cannone“, Francesco De Gregori)

 

Ti salverò da ogni malinconia, perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te…

(“La cura“, Franco Battiato)

 

“Il giorno volevo parlare dei miei sogni, la notte parlare d’amore…”

(“Mi sono innamorato di te“, Luigi Tenco)

 

Quando ti guardo dopo un giorno pieno di parole, senza che tu mi dica niente tutto si fa chiaro…

(“A te”, Jovanotti)

 

Penso che è stupendo restare al buio abbracciati e muti, come pugili dopo un incontro, come gli ultimi sopravvissuti…

(“I migliori anni della nostra vita”, Renato Zero)

 

Ama e ridi se amor risponde, piangi forte se non ti sente, dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior…

(“Via del campo”, Fabrizio De André)

LEGGI ANCHE: Perché “Amore che vieni, amore che vai” di De André è da considerarsi poesia

© Riproduzione Riservata
Commenti