Sei qui: Home » Libri » Autori » Le autrici e le eroine più amate della letteratura, protagoniste di “Storie senza Tempo”
Storie senza tempo

Le autrici e le eroine più amate della letteratura, protagoniste di “Storie senza Tempo”

Dai capolavori di Jane Austen alle opere delle sorelle Brontë, ecco i romanzi e le eroine letterarie più amate dalle lettrici di ogni epoca, a cui è dedicata la collana “Storie senza Tempo”

Dai capolavori di Jane Austen all’oscuro romanticismo delle Brontë, dalla ribellione di Piccole donne all’appassionata sete di libertà di Anna Karenina, esistono romanzi ed eroine letterarie che hanno segnato, e continuano a farlo, la vita dalle lettrici di ogni epoca. Ad esse è dedicata la collana “Storie senza Tempo”, edita da RBA e dedicata alla migliore selezione dei romanzi che hanno rivoluzionato l’universo femminile. Un’edizione esclusiva in volumi pregiati che non può mancare nella libreria delle donne di oggi. Scopriamo insieme le eroine femminili più amate della letteratura attraverso le loro autrici, spesso alter-ego delle loro rispettive ideatrici.

Jane Austen

Una delle scrittrici più famose e autrici più amate, e alla moda, di sempre. Jane Austen (1775-1817) viene ricordata per le sue opere (Orgoglio e pregiudizio, Ragione e sentimento, Emma), ma anche e soprattutto per aver portato in campo letterario uno stile e delle tematiche che poi sono diventate dei veri e propri topos. La sua opera è, ancora, un punto di riferimento per intere generazioni. La Austen è un’icona letteraria che fa sognare ancora migliaia di lettrici in tutto il mondo.

Il suo romanzo per eccellenza, “Orgoglio e pregiudizio”, affronta la contrapposizione tra l’orgoglio di classe del signor Darcy e il pregiudizio di Elizabeth Bennet nei confronti di quest’ultimo. È proprio questa distanza iniziale tra i due personaggi che pian piano col proseguire della storia si assottiglia, tanto da portare il protagonista ad innamorarsi di Elizabeth nonostante lei appartenesse a una classe sociale inferiore, perché è l’unica che lo tratta senza favoritismi. Elizabeth, detta Lizzy, piace a gran parte degli amanti della lettura perché presenta tutte le sfumature e le complessità di un personaggio, e di una donna, attuale.

Charlotte Bronte

Un’altra tra le autrici più amate è Charlotte Bronte. Figlia di un ecclesiastico irlandese, nel 1820 si stabilì con la famiglia a Haworth, nella regione delle brughiere. Fin dall’infanzia Charlotte, lasciata sovente a sé stessa, creò insieme alle sorelle Emily e Anne e al fratello Branwell un mondo immaginario, sul quale i ragazzi costruirono complicati cicli di storie infantili. La vita delle sorelle Brontë fu segnata da gravi lutti familiari: persero da piccole la madre malata di cancro, e anche la zia, che si era trasferita nella loro casa per crescerle, se ne andò precocemente. Charlotte non fu molto fortunata neppure in campo sentimentale: s’innamorò, senza essere ricambiata, di un professore già sposato, e quando si sposò con un pastore, morì l’anno successivo, mentre attendeva un figlio.

“Jane Eyre” è l’alter ego di Charlotte: entrambe hanno vissuto una giovinezza da orfana e di abbandoni. Jane, bambina orfana e sottoposta fin da piccola a umiliazioni e ai rigori di una disciplina troppo severa, decide di continuare a studiare, di coltivare i propri talenti. Fino a diventare l’educatrice privata di una bambina all’interno della tenuta di Mr. Rochester. Molti gli ostacoli che renderanno davvero arduo il conseguimento della serenità da parte della giovane Jane. Ma la ragazza riuscirà ad affrontare anche i momenti più difficili con rettitudine e determinazione.

Emily Bronte

Le poesie d’amore di Emily Brontë sono romantiche e struggenti. La scrittrice e poetessa inglese famosa per il suo unico romanzo “Cime tempestose” è una delle autrici più amate e apprezzate della letteratura britannica. Emily Brontë è morta giovanissima, a soli 30 anni, e davanti a queste personalità così sensibili e promettenti vien da chiedersi cosa avrebbero lasciato al mondo se solo avessero vissuto un po’ di più. Il padre visse più a lungo di tutti i suoi figli, l’ultima sopravvissuta, la sorella più grande Charlotte riuscì a pubblicare le poesie di Emily Brontë consegnandole al mondo, prima di morire anche lei nel 1848.

Louise May Alcott

Molte fanciulle sono cresciute con il classico di Louisa May Alcott “Piccole donne”: hanno letto i seguiti, visto i film, imparato a memoria la colonna sonora, si sono innamorate follemente delle quattro sorelle. Eppure, come ogni classico che si rispetti, “Piccole Donne” è un libro che, sebbene di grandissimo successo su un pubblico giovane, merita senza dubbio di essere riletto anche in età adulta, avendo sempre qualcosa di nuovo da dire. Per cogliere molte sfumature del romanzo è necessario l’apporto che solo l’esperienza e il passare del tempo possono fornire.

Josephine March, soprannominata Jo, è la secondogenita della famiglia March. E’ un maschiaccio quindi le risulta difficile comportarsi da signorina. Suo padre si riferisce a lei come suo figlio Jo, mentre il suo migliore amico la chiama “il mio caro compagno”. All’inizio del romanzo ha quindici anni e lavora come dama di compagnia per la Zia March. Viene descritta come una ragazza schietta, coraggiosa, ribelle e una testa calda. Si diletta ad inventare storie ed in seguito inizierà a scrivere un romanzo a puntante sul giornale. Inizialmente si mostra contraria al romanticismo ed al matrimonio perché non vuole separarsi dalla sua famiglia. Ma quando perseguirà la sua carriera di scrittrice a New York, incontrerà e s’innamorerà di un professore tedesco.

La collana “Storie senza tempo”

Proprio in questi giorni esce in edicola un tributo alle scrittrici e alle eroine sopracitate, capaci di ispirare intere generazioni di donne. Dopo il grande successo della prima edizione, torna in edicola il 15 gennaio la collana ‘Storie senza tempo’ edita da RBA e dedicata alla migliore selezione dei romanzi che hanno rivoluzionato l’universo femminile. Un’edizione esclusiva che non può mancare nella libreria delle donne di oggi. Splendide copertine del XIX secolo reinterpretate a colori e con stampe in oro; pagine interne con accurate illustrazioni d’epoca nei frontespizi e capilettera finemente decorati. I toni cromatici delle copertine evocano la raffinata bellezza dei tessuti di epoca vittoriana e sono stati selezionati accuratamente per comporre una magnifica biblioteca che alterna una gamma di ben diciotto colori. Una preziosa edizione concepita per durare per sempre.

La collana ‘Storie senza tempo’ è in edicola dal 15 gennaio con la prima uscita ‘Orgoglio e pregiudizio’ al prezzo lancio di 2,99 €. L’opera prevede 65 uscite, l’elenco completo è disponibile sul sito www.storiesenzatempo.it ove si può anche sottoscrivere l’abbonamento per chi non volesse perdere neppure un libro della collezione.

© Riproduzione Riservata