Biblioteca Kabul

La biblioteca su un autobus che porta gioia ai bambini afghani

La felicità per alcuni bambini di Kabul è rincorrere un piccolo autobus blu che apre le sue porte a un angolo di mondo fatto di libri e belle storie
La biblioteca su un autobus che porta gioia ai bambini afghani

MILANO – Cos’è la felicità? Per alcuni bambini di Kabul è rincorrere un piccolo autobus blu che apre le sue porte a un angolo di mondo fatto di libri e belle storie. Così ogni qual volta Charmaghz, questo il nome dell’autobus libreria, percorre le strade, gli occhi dei piccoli si riempiono di eccitazione. Un’impresa a favore della cultura degna di nota questa, in quella che è la capitale maltrattata della guerra in Afghanistan e che grazie a News of Bahrainvi raccontiamo

Il club di lettura nel bus biblioteca

La biblioteca ambulante prende vita dall’idea di Freshta Karim, una venticinquenne che di recente ha conseguito un master in politica pubblica presso l’Università di Oxford, in Inghilterra. Il suo intento era quello di dare ai bambini di Kabul quello che era venuto a mancare nella sua infanza, ovvero la possibilità di allargare i propri orizzonti, liberi dall’ombra della guerra e della povertà. Così dal club di lettura in cui ospitava i bambini direttamente a casa sua, è venuta fuori l’idea di espandere il progetto e dare la possibilità di far avvicinare quanti più bambini possibili alla lettura. “Non so quanti di noi possano davvero dimenticare il dolore che la guerra ci ha regalato. Forse i bambini sono troppo giovani per pensarci, ma sento ancora che se ne rendono conto “, ha detto la giovane. “Spero che un programma come questo possa dare loro l’opportunità di dimenticare quelle cose”. Karim e il suo team credono che sia importante per i bambini scegliere i libri che li attirano liberamente e continuare a leggere. È il modo migliore per sviluppare il pensiero critico e spera che questo possa essere anche un passo avanti nella lotta contro il tasso di analfabetismo del 62% in Afghanistan.

I libri donati dalle organizzazioni

Ogni giorno così dall’alba al tramonto, l’autobus guida nei dintorni di Kabul, fermandosi in ogni posto per un paio d’ore alla volta. All’interno del bus ci sono file di libri ben impilati per bambini, centinaia di loro sia in Dari che in Pashto, le due lingue principali in Afghanistan. E piccoli tavoli e sgabelli dove i bambini possono sedersi mentre scoprono le gioie della lettura.L’autobus blu, decorato con pitture colorate per attirare i giovani, è stato fornito dal ministero dei trasporti. Tutti i libri sono stati donati da diverse organizzazioni o individui. Le donazioni pagano anche per il carburante che mantiene le ruote girando giorno per giorno. Da quello che dice Karim, sono poche le persone della sua età che ricordano di aver frequentato le biblioteche da bambini. La guerra li aveva privati di così tanto e tutt’oggi molte scuole non hanno edifici, per cui parlare di una biblioteca è un lusso. Secondo Save the Children, quasi un terzo di tutti i bambini afghani non è in grado di frequentare la scuola, lasciando loro a maggior rischio di lavoro minorile, reclutamento da parte di gruppi armati, matrimoni precoci e altre forme di sfruttamento.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti